VIDEO | Cile, in migliaia in piazza per “l’aborto legale, sicuro e gratuito”

In Cile l'interruzione di gravidanza era stata resa illegale in tutti i casi nel 1990, l'ultimo anno della dittatura del generale Augusto Pinochet
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Migliaia di persone, con magliette, drappi e bandiere verdi, hanno sfilato a Santiago del Cile intonando lo slogan “aborto legale, sicuro e gratuito”. La manifestazione, riferiscono fonti di stampa locali, è la settima dall’inizio dell’anno per chiedere una riforma della legge sull’interruzione della gravidanza approvata nel 2017, che la legalizza solo per motivi “terapeutici” in tre circostanze.

Al corteo hanno partecipato organizzazioni femministe ma anche associazioni legate al mondo migrante. Secondo la coordinatrice dell’iniziativa, Gloria Maira, “in tutte le epoche ci sono state donne che hanno abortito, ma quando mancano le risorse è la situazione peggiore, perché ci sono rischi gravi per la salute e la vita“. Il corteo ha raggiunto il piazzale antistante il palazzo della Moneda, sede del governo.

“Facciamo abortire l’oppressione e la misoginia” hanno intonato alcuni manifestanti. In Cile l’interruzione di gravidanza era stata resa illegale in tutti i casi nel 1990, l’ultimo anno della dittatura del generale Augusto Pinochet. Le norme approvate nel 2017, con l’impulso della presidente socialista Michelle Bachelet, legalizzano l’aborto in casi di stupro, gravi anomalie fetali e rischio della vita per la madre.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»