Venezuela, contro l’inflazione Maduro vuole la moneta forte

La misura segue l'annuncio dell'FMI secondo cui, nell'anno corrente, in Venezuela l'inflazione raggiungerà il milione per cento.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Facilitare le transazioni finanziarie, proteggere il bolivar e rilanciare l’economia: il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha spiegato così la decisione di eliminare cinque zeri dal valore della moneta nazionale.

La misura, annunciata ieri, segue l’annuncio di lunedì del Fondo monetario internazionale, secondo cui nell’anno corrente l’inflazione nel Paese raggiungerà il milione per cento.

Questo “piano di ripresa economica” inizierà dal 20 agosto e sostituisce la proposta di marzo, che si limitava a togliere tre zeri. Un’iniziativa che avrebbe dovuto dar vita al “bolivar soverano”, vale a dire ‘bolivar sovrano’, e avrebbe dovuto entrare in vigore il 4 agosto.

Già il predecessore di Maduro, Hugo Chavez, nel 2008 aveva lanciato il “bolivar fuerte”, presentato come la soluzione a tutte le difficoltà economiche di quel periodo, attraverso lo slogan “un’economia forte, un bolivar forte, una nazione forte”.

Nel 2013 il Venezuela è stato colpito dagli effetti del crollo a livello globale dei prezzi del petrolio. In questi anni l’inflazione non ha cessato di aumentare, e per Maduro la responsabilità di questa situazione è da attribuirsi agli Stati Uniti che, sostenuti dalle opposizioni, starebbero conducendo contro il Paese una “guerra economica” accompagnata da sabotaggi finalizzati a rovesciarne il governo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»