Strage Bologna, Merola invita il procuratore: “Importante esserci, venga in Comune”

Dopo lo 'screzio' tra il procuratore e l'associazione dei familiari delle vittime, oggi il sindaco ha invitato Amato all'incontro nella sala del Consiglio comunale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Il sindaco Virginio Merola

BOLOGNA – La Procura di Bologna, a partire dal suo numero uno, non può mancare alle cerimonie per commemorare la strage del 2 agosto alla stazione di Bologna. Ne è convinto il sindaco Virginio Merola che, “nel rispetto del lavoro e dell’autonomia della magistratura e convinto dell’importanza della sua presenza nei momenti di condivisione della memoria” rinnova “l’invito al procuratore capo Giuseppe Amato a partecipare all’incontro nella sala del Consiglio comunale la mattina del prossimo 2 agosto”.

Giuseppe Amato

Nel farlo, Merola si dice “certo che queste parole saranno condivise anche dal presidente dell’associazione dei familiari delle vittime, Paolo Bolognesi”. “Non credo che la nostra presenza possa riscuotere un apprezzamento”, ha detto ieri Amato lasciando intendere il suo orientamento a non partecipare alla commemorazione stante la ‘divergenza’ con l’associazione dei parenti delle vittime per la scelta dei magistrati di chiedere l’archiviazione delle indagini sui mandanti dell’attentato. Bolognesi aveva infatti annunciato di voler contestare la scelta della Procura nel suo discorso del 2 agosto.

LEGGI ANCHE:

 Strage Bologna, il procuratore capo: “Io a cerimonia? Non credo che parenti gradirebbero”/VIDEO

Strage Bologna, i familiari delle vittime contro i pm: “La storia non si archivia”

Strage 2 agosto, a Bologna sarà pienone di parenti, già prenotate 250 gerbere bianche

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»