Cannabis, Bossi: “lo dissi a Pannella, meglio non liberalizzarla”

Ricorda ora Bossi interpellato dall'agenzia Dire a Montecitorio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

bossiPannella02

ROMA – Marco Pannella e Umberto Bossi, alla Camera dei deputati, nel luglio di un anno fa. Una delle ultime volte che il leader radicale e’ stato alla Camera dei deputati ha salutato il fondatore della Lega Nord, con il quale coltivava un’amicizia di lunga data (nella foto Dire). Nella diversita’ di idee, appunto. In particolare sulla cannabis. “Lui era un libertario, ed era ovviamente a favore della liberalizzazione. Diceva che la gente ha la testa per decidere sa sola”, ricorda ora Bossi, interpellato dall’agenzia Dire a Montecitorio. “Io invece gli ho detto che sono contrario. E lo sono in particolare in questo momento. Siamo seri: ci sono altri problemi. I giovani poi hanno il problema del lavoro. Con le canna libere rischi di squilibrarli ancora di più”, spiega Bossi. Il senatur e’ scettico sulla possibilita’ che passi il ddl: “Non è il momento per questi esperimenti. La legge non passa. In questo momento soprattutto. Ed e’ bene cosi'”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»