Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Colombia, finita l’epidemia del virus Zika

Il Ministero della Salute ha dichiarato la fine della epidemia del virus in Colombia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

virus zika_zanzara

BOGOTA’ – Il Ministero della Salute ha dichiarato la fine della epidemia Zika in Colombia. Tale decisione segue il fatto che i casi di contagio risultano di recente ridotti di 600 unita’ a settimana, Nonostante cio’ – sottolinea il Ministero in una dichiarazione ufficiale – tutti i cittadini devono continuare a rispettare le necessarie misure di prevenzione, soprattutto le donne in gravidanza. L’avvertimento e’ rivolto a tutti coloro che vivono in luoghi situati fino a un’altezza di circa 2.200 metri sul livello del mare. Inoltre bisogna continuare a usare repellenti e indumenti protettivi per evitare le punture di zanzara mentre le donne in gravidanza devono evitare, dove possibile, di viaggiare nelle regioni caratterizzate da un clima caldo umido, ha ricordato il viceministro della sanita’, Fernando Ruiz Gomez. Durante il periodo di allerta per l’epidemia di Zika – arrivata nel settembre del 2015 – sono stati segnalati 99.721 casi di cui 8.826 sono stati confermati da analisi di laboratorio. Altri 90.895 sono rimasti sospetto clinico mentre circa 17.730 donne in gravidanza vengono tenute sotto stretto monitoraggio da parte delle istituzioni sanitarie pubbliche, tra cui il National Institute of Health (Nih).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»