Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Normandia, irrompono in una chiesa e uccidono il sacerdote

La Procura ha aperto un'inchiesta per terrorismo. L'assalto è avvenuto durante una funzione religiosa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

eliseo_francia

ROMA – Terrore questa mattina nella chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray, nell’Alta Normandia, non lontano da Rouen, dove due uomini armati di coltello sono entrati e hanno preso in ostaggio i fedeli, il parroco e due suore. Il sacerdote, nell’assalto, è rimasto ucciso: i due sequestratori, da quanto si apprende, lo hanno sgozzato. Si chiamava padre Jacques Hamel e aveva 84 anni. Le teste di cuoio sono intervenute, prima circondando e isolando la zona, e poi  con un vero e proprio blitz, durante il quale i due assalitori sono stati uccisi. La Procura ha aperto un’inchiesta per terrorismo. Su quanto accaduto in Normandia è arrivata la condanna di papa Francesco.

LEGGI ANCHE:

UNA VITTIMA TRA GLI OSTAGGI: PRETE SGOZZATO

C’è una vittima nel sequestro appena terminato nella chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray, nell’Alta Normandia. Secondo fonti di stampa francese, il sacerdote risultava ferito alla gola“sgozzato”, secondo ‘Le Figaro’ – con uno dei coltelli dei sequestratori, ma non c’è ancora la conferma che la vittima sia lui. Secondo un poliziotto sul posto sembra inoltre che i due rapitori siano stati uccisi in seguito all’intervento delle forze dell’ordine, ma fino ad ora il ministro dell’Interno Bernard Cazeneuve si è limitato a dire che sono stati “neutralizzati”, secondo ‘Liberation’.

GRAVEMENTE FERITO UN ALTRO OSTAGGIO

Oltre al sacerdote ucciso poichè colpito alla gola dai rapitori, un secondo ostaggio risulta ferito. Lo ha confermato il ministero degli Interni secondo quanto riporta il quotidiano ‘Liberation’. L’irruzione dei due assalitori armati di coltello è avvenuta mentre era in corso una funzione religiosa nella chiesa.

APERTA INCHIESTA PER TERRORISMO

La sezione dell’antiterrorismo della Procura di Parigi ha aperto un’inchiesta per fare luce sul sequestro avvenuto stamani in una chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray, vicino Rouen. Lo riferiscono fonti di stampa francese. L’inchiesta e’ affidata alla Sottodirezione dell’antiterrorismo (Sdat) e alla Direzione generale della sicurezza interna (Dgsi).

IL MINISTRO DELL’INTERNO STA ARRIVANDO SUL POSTO

Il ministro dell’Interno Bernard Cazeneuve ha appena reso noto che si sta recando nella chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray, poco distante da Rouen, nell’Alta Normandia. Lo riferisce il quotidiano ‘Liberation’.

ANCHE HOLLANDE STA PARTENDO PER ROUEN

Il Presidente Francois Hollande sta partendo alla volta di Saint-Etienne-du-Rouvray, cittadina non distante da Rouen dove in una chiesa, mentre era in corso la funzione religiosa del mattino, due uomini hanno preso in ostaggio tutti i presenti. Lo ha reso noto l’Eliseo, cosi’ come riferiscono le fonti di stampa francesi.

IL PARROCO E DUE SUORE TRA GLI OSTAGGI

Nella chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray, vicino Rouen – nella Francia settentrionale – sono tenute sotto sequestro varie persone, tra cui il parroco e due suore, da parte di due uomini che li minacciano all’arma bianca. A riferirlo fonti di stampa francese concordanti. Sul posto sono gi’a arrivate unita’ della Polizia nazionale (Gipn) e dell’esercito. Pare inoltre che si siano uditi alcuni colpi d’arma da fuoco.

GLI SPARI DELLA POLIZIA, MOVENTE ANCORA SCONOSCIUTO

Secondo i giornalisti presenti sul luogo, ancora non si conosce il movente che ha spinto a tale gesto. Qualcuno ipotizza che gli spari sentiti poco prima potrebbero essere stati esplosi nel blitz delle unita’ di intervento, ma ancora non si conoscono le condizioni di salute dei due sequestratori.

di Alessandra Fabbretti, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»