Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vicino al Vaticano due guardie svizzere che si baciano: la nuova opera di Laika

guardie_svizzere_laika
Nel giorno del gay pride di Roma il messaggio dell'artista contro l'omotransfobia: ‘volemose bene’
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Oggi, 26 giugno, in via della stazione di San Pietro, a pochi metri dalla Santa Sede, è apparsa una nuova opera della Street Artist Laika che ritrae due guardie svizzere in atteggiamento romantico con un cuore arcobaleno sullo sfondo. Il poster vuole essere l’ironico riassunto di questa settimana: il tentativo di ingerenza da parte della Chiesa (poi rientrato) nella politica del nostro Paese non è passato inosservato agli occhi dell’artista”. Lo fa sapere in una nota la stessa artista.

“Oggi è il giorno del Pride nella mia città- scrive Laika- ed è fondamentale difendere più che mai una proposta di legge come il DDL Zan che serve a tutelare tante, troppe persone, che sono vittime di episodi di odio. Chiunque deve sentirsi libero di amare il suo prossimo, senza timori o paure. Chi afferma che il decreto Zan porterà ad una limitazione della libertà di parola dimostra di non aver capito nulla o, peggio, si attacca a delle motivazioni pretestuose per nascondere la sua omofobia. In questo giorno speciale, amiamoci e, come diceva ‘qualcuno’: ‘volemose bene’. Abbasso l’omotransfobia. Buon pride a tutti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»