Venezia, pronta la ciclabile a sbalzo su ponte della Libertà

Il tratto è lungo 170 metri: "Fondamentali, rappresentano un importante servizio per mettere in collegamento due punti essenziali per la mobilità cittadina"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Il nuovo tratto di pista ciclopedonale a sbalzo sul ponte della Libertà, che collega Venezia alla terraferma, è pronto. Ad inaugurarlo, questa mattina, l’assessore comunale ai Lavori pubblici, Francesca Zaccariotto, e l’assessore all’Urbanistica, Renato Boraso. “Con quest’opera mettiamo in sicurezza una parte importante della pista ciclabile a sbalzo lungo il ponte della Libertà. Si tratta di 170 metri che consentiranno una migliore mobilità, anche con l’uso dei mezzi messi a disposizione dal Comune attraverso il servizio di bike sharing“, afferma Boraso.

“Possono sembrare pochi 170 metri, ma in realtà sono fondamentali visto l’uso che i cittadini fanno di questa pista ciclabile e rappresentano un importante servizio per mettere in collegamento due punti essenziali per la mobilità cittadina, consentendo a chi si sposta da Mestre a Venezia di farlo in totale sicurezza“, aggiunge Zaccariotto.

L’intervento rientra nel più ampio progetto da 1,5 milioni di euro dei lavori di collegamento tra via Torino e il parco San Giuliano, interamente finanziati con fondi Pon Metro, Programma operativo nazionale per le Città metropolitane.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»