VIDEO | Scuola, De Luca: “Campania dice ‘no’ in conferenza Stato-Regioni”

"Espliciteremo il nostro dissenso al ministro dell'Istruzione Azzolina che ha consentito che i problemi della scuola diventassero marginali rispetto alla politica politicante"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
NAPOLI – “La Regione Campania, nella conferenza delle Regioni e poi in conferenza Stato-Regioni, manterra’ il suo dissenso rispetto al ministero dell’Istruzione. Non diremo che siamo d’accordo con le misure che si vanno a prendere”. Lo ha annunciato il governatore della Campania Vincenzo De Luca in una diretta su Facebook. “Espliciteremo il nostro dissenso e la nostra critica ferma – ha aggiunto – al ministro dell’Istruzione Azzolina che ha consentito che i problemi della scuola diventassero marginali rispetto alla politica politicante”. LEGGI ANCHE: Scuola, ecco le linee guida per settembre: turni, classi divise in gruppi e distanziamento Il presidente della Regione ha parlato di “scelte irresponsabili da parte del governo, delle opposizioni e del ministro dell’Istruzione”. Il ‘no’ della Campania e’ giustificato dalla “irresponsabilita’ di decidere di andare a votare il 20 settembre. Avremmo dovuto essere concentrati solo sull’anno scolastico, invece siamo costretti a pensare alle liste, ai comizi e alle fesserie, e non si e’ capito perche’ non si e’ andati a votare l’ultima settimana di luglio”, ha spiegato De Luca, indicando anche alcune questioni di merito del dissenso espresso dalla Regione Campania: “non e’ stato definito l’organico, non ci sono fondi a sufficienza per l’edilizia scolastica, si scaricano le responsabilita’ sui dirigenti scolastici”. 

REGIONALI CAMPANIA, DE LUCA: “NON C’È TEMPO DA PERDERE CON SONDAGGI FALSI”

Non abbiamo tempo da perdere dietro a demagogie, sciacallagio, notizie e sondaggi falsi – aggiunge il governatore -. Vedrete di tutto, noi rimarremo concentrati sulle cose da fare”. LEGGI ANCHE:
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»