Genova, i parenti delle vittime confermano: “Non saremo all’inaugurazione del ponte”

"La ricostruzione del ponte, che dovrebbe unire nuovamente la citta', non riuscira' mai a ricostruire quello che abbiamo perso".
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

GENOVA – I parenti delle 43 vittime del crollo di Ponte Morandi non parteciperanno all’inaugurazione del nuovo viadotto. Confermando l’intendimento gia’ emerso nelle scorse settimane, la decisione e’ stata ufficializzata ieri durante una lunga assemblea del comitato presieduto da Egle Possetti e comunicata questa mattina.

I toni, pero’, sono piu’ distesi del passato, quando i familiari di chi ha perso la vita il 14 agosto 2018 avevano apertamente contestato l’annunciata spettacolarizzazione dell’evento ed erano arrivati a chiedere che i loro cari non venissero nominati.

E’ servito l’intervento del capo dello Stato per riavvicinare le parti: “Dopo le nostre pressanti richieste e l’importante intervento del presidente Sergio Mattarella- riconosce il comitato- la cerimonia di inaugurazione ha acquisito connotazioni di sobrieta’, soprattutto in rispetto di coloro che da quel ponte non sono piu’ tornati”.

Ora, i parenti si dicono “onorati che nella cerimonia siano nominate le nostre vittime”, che “meritano un posto in prima fila, ma- confermano- come comitato non parteciperemo alla cerimonia di inaugurazione, quel momento, in quel luogo, non puo’ essere parte di noi”.

Anche perche’, ribadisce la nota, “e’ stato molto difficile assistere in questi mesi alle molte cerimonie e, come abbiamo sempre sostenuto, per l’origine indegna che ha avuto questa costruzione, il nostro cuore e quello di molti cittadini ha sempre sperato in un’inaugurazione sobria: da sempre pensiamo che i motivi di festeggiamento dovrebbero essere altri. Ci siamo mossi con forza quando abbiamo capito che l’evento di inaugurazione avrebbe potuto diventare un evento mediatico di gran festa”.

Per i familiari delle vittime, “la ricostruzione del ponte, che dovrebbe unire nuovamente la citta’, non riuscira’ mai a ricostruire quello che abbiamo perso. Il lavoro che e’ stato fatto e’ molto, le persone che hanno operato nella ricostruzione meritano il nostro rispetto, ma questo ponte per noi ha un significato ben preciso che, ci strazia il cuore”.

Non e’, pero’, escluso che qualcuno possa partecipare a titolo personale. In ogni caso, assicura Egle Possetti, “ringrazieremo personalmente il presidente- Mattarella, ndr- nell’incontro privato che avremo, sia per il suo intervento in questa vicenda, sia per averci permesso di parlare con lui e comunicare il nostro sentire”.

Un momento dedicato alle vittime sara’, invece, l’inaugurazione del “Cerchio dei 43 alberi” che sara’ installato sotto al ponte e anticipera’ il Memoriale: “In quel luogo- spiega Possetti- sentiamo la presenza del nostro cuore e il sindaco ci ha dato la massima collaborazione per organizzarlo”. Inoltre, i parenti delle vittime precisano di non essersi “opposti a concerti di musica classica, ma francamente, ad un certo punto, si era generata una tale confusione nell’informazione che per tutti penso sia stato difficile dipanare la matassa. E’ stato complesso riuscire a gestire i sentimenti contrastanti che affollavano la nostra mente, infatti le emozioni che la crescita di questa nuova struttura hanno suscitato in noi sono sempre state molto forti”. Infine, ringraziano “tutti coloro che ci hanno sostenuti e che ci sosterranno in futuro perche’ nessun nuovo ponte possa cancellare quello che e’ stato. Con tutto il cuore”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»