Mutilazioni genitali femminili e matrimoni precoci, il 30 giugno la diretta Aidos e Dire sul rapporto Unfpa

A 25 anni dalla Conferenza delle donne di Pechino, il punto sul diritto alla salute sessuale e riproduttiva femminile
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – C’è Rhobi Samwelly, che, dopo aver subito le mutilazioni dei genitali femminili (Mgf) a 13 anni, ha deciso di trasformare rabbia e dolore in attivismo per sensibilizzare le ragazze in Tanzania a ribellarsi alla pratica. C’è Donna Pollard, tra le 200mila minorenni sposate tra il 2000 e il 2015 negli Stati Uniti, che con Sara Tasneem si batte per riforme legislative che innalzino l’età minima del matrimonio a 18 anni nei singoli stati americani. Sono solo alcune delle giovani e giovanissime che nel mondo lottano per i diritti di bambine e ragazze, contro le Mgf e i matrimoni precoci, tra le pratiche più dannose per il raggiungimento dell’uguaglianza di genere. Alcune delle loro storie sono state raccolte da Unfpa-Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (Unfpa) nel Rapporto sullo stato della popolazione nel mondo 2020 ‘Contro la mia volontà. Affrontare le pratiche dannose per il raggiungimento dell’uguaglianza di genere’, che, a 25 anni dalla Conferenza delle donne di Pechino, fa il punto sul diritto alla salute sessuale e riproduttiva femminile.

LA PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO

Il Rapporto, presentato in contemporanea mondiale, in Italia sarà lanciato da Aidos-Associazione italiana donne per lo sviluppo con l’Agenzia di stampa nazionale Dire nel corso di una conferenza stampa trasmessa in diretta Facebook martedì 30 giugno alle ore 15 sulle pagine di Aidos e Dire. Interverranno in videoconferenza: Emanuela Del Re, viceministra agli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale; Mariarosa Cutillo, chief of strategic partnership di Unfpa; Maria Grazia Panunzi, presidente di Aidos e Patrizia Farina, docente di demografia dell’università di Milano Bicocca, che fornirà gli ultimi dati sulle Mgf in Italia. La conferenza web sarà coordinata dalla giornalista vicecaposervizio dell’Agenzia Dire e responsabile di DireDonne, Silvia Mari.

“Mettere fine alle pratiche abusive entro il 2030 in ogni paese e comunità – obiettivo di Unfpa, nonché uno dei target chiave degli Obiettivi per lo sviluppo sostenibile – richiederà rapidi cambiamenti di quelle mentalità che tuttora giustificano la violenza contro donne e bambine- dice Natalia Kanem, sottosegretaria generale e direttora esecutiva di Unfpa- È indispensabile una trasformazione che riguardi i sistemi economici, scolastici, legali e di tutela della salute che si intersecano con tali norme e che continuano a riflettere e perpetuare discriminazioni di genere”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»