Roma come Pompei, negli scavi della metro C trovati cane e mobili di legno del III secolo FOTO

Gli eccezionali ritrovamenti sono stati presentati direttamente nel cantiere della metropolitana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – San Giovanni come Pompei ed Ercolano. Dagli scavi per la stazione della linea C Amba Aradam sono emersi i resti carbonizzati di alcuni mobili in legno di età traianea e lo scheletro di un cane di media stazza, morto nel tentativo di fuggire alle fiamme che hanno colpito la sua abitazione nel III secolo dopo Cristo.

Gli eccezionali ritrovamenti sono stati presentati quest’oggi dal sovrintendente speciale per l’area archeologica, Francesco Prosperetti e dal presidente di RomaMetropolitane, Pasquale Cialdini, direttamente nel cantiere della metropolitana.

Foto @Stefano Costa

In particolare i resti che hanno suscitato maggiore attenzione sono stati alcuni mosaici in bianco e nero e soprattutto alcuni ritrovamenti in legno, parti di arredo e di mobili come una gamba di un tavolino a tre piedi e una parte di in comodino, un ‘unicum’ a Roma che ha precedenti solo ad Ercolano.

Il tutto sotto un solaio di una casa aristocratica crollato per colpa delle fiamme. Infine sono state ritrovate le ossa di un cane di età imperiale, ucciso sull’uscio di casa, e di un altro animale, forse un gatto.

LEGGI ANCHE Metro C: a San Giovanni entro l’anno, fermata Colosseo-Fori Imperiali slitta al 2023?

“Non avremmo mai potuto fare questi ritrovamenti senza il cantiere della linea C- ha spiegato Prosperetti- senza paratie in metallo non si sarebbe potuto scavare. Un pozzo in un’area di scavo di 50 metri quadri di oltre 9 metri sotto il piano stradale in ambito urbano non sarebbe mai stato possibile prima. Grazie a questo abbiamo potuto fare scoperte eccezionali, ritrovamenti che testimoniano un momento in cui la storia si è fermata”.

“È difficilissimo che il legno si conservi- ha aggiunto l’archeologa Simona Morretta- in questo caso l’incendio ha carbonizzato e non bruciato il legno che poi si è preservato grazie all’umidità giusta e al fatto di essere rimasto sotterraneo. Ora stiamo studiando la collocazione finale. Forse nella stazione che potrebbe aprire nel 2021″.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»