hamburger menu

L’esame pratico per la patente? Sarà “da remoto”: il progetto del Governo

"Gli esaminatori potranno condurre prove di guida collegati con la postazione dell'esaminato", dice il ministro Enrico Giovannini

ROMA – “Con un decreto recentemente pubblicato in Gazzetta ufficiale gli esaminatori transitati in regime di quiescenza negli ultimi due anni potranno fare esami”. Sempre nell’ottica di ottimizzare i tempi degli esami c’è in esame un progetto per la “remotizzazione dell’esaminatore aumentando di un 30% la produttività” in pratica “gli esaminatori potranno condurre prove di guida collegato con la postazione dell’esaminato”. Lo dice Enrico Giovannini, ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, in Commissione Trasporti.

RICONOSCIMENTO FACCIALE PER ESAME TEORICO GUIDA

“Con il decreto ministeriale del 27 ottobre 2021 si è incrementato fino al 20% numero di sedute giornaliere per gli esami teorici” di conseguimento della patente di guida”. Fra i progetti in esame che potrebbero restringere i tempi degli esami aumentando le sedute c’è ” la realizzazione di un sistema automatizzato per il riconoscimento facciale del candidato attraverso parametri biometrici” che permetterebbe un “recupero di produttività di un ulteriore 20%, riducendo i tempi amministrativi di verifica”. Lo dice Enrico Giovannini, ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, in Commissione Trasporti.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-27T08:18:19+02:00