Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Milan, Maldini ufficializza l’addio di Donnarumma: “Le nostre strade si dividono”

donnarumma
Il portiere 22enne lascia i rossoneri a parametro zero dopo sei stagioni in prima squadra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

La prossima stagione Gigio Donnarumma non sarà il portiere del Milan. La notizia era nell’aria, a renderla ufficiale le parole di Paolo Maldini. Il direttore tecnico rossonero è infatti intervenuto ai microfoni di AC Milan Talk sul canale Twitch e ha parlato del portiere: “Credo che si debba ringraziare tutti i calciatori che hanno fatto questa stagione incredibile. Gigio è stato un protagonista, è stato un leader e spesso capitano. La gente fa fatica a capire cosa voglia dire fare il professionista, che deve essere pronto a cambiare casacca. So che è difficile da accettare, è sempre più difficile trovare carriere che iniziano in un posto e finiscono in quel posto lì. Ci sono esempi di chi è rimasto tanti anni con la stessa maglia. Bisogna avere rispetto per chi ha dato tanto per il Milan, e Gigio lo ha fatto. Non ci ha mai mancato di rispetto. Le strade si dividono, non posso che auguragli il meglio”. Donnarumma, che è cresciuto nel vivaio del Milan dopo essersi trasferito a 14 anni da Castellammare di Stabia, ha fatto il suo esordio nella prima squadra a 16 anni, nel 2015. Il suo contratto scadrà il 30 giugno e quindi il portiere lascerà i rossoneri a parametro zero.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»