Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 26 maggio 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L’ITALIA VERSO LA ZONA BIANCA RAFFORZATA

Gran parte dell’Italia si appresta a entrare in fascia bianca già dalle prossime settimane. Secondo il calendario ipotizzato, dal 1 giugno toccherà a Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna, quindi Veneto, Abruzzo, Umbria e Liguria dal 7 e dal 14 giugno Lombardia, Emilia-Romagna e Lazio. Si tratta tuttavia di una zona bianca cosiddetta rinforzata, per non ripetere l’errore fatto poche settimane fa in Sardegna, quando la regione passo’ in ‘rosso’ solo dopo pochi giorni di ‘bianco’. Le nuove zone bianche, dunque, prevedono allentamenti delle misure ma con il mantenimento del coprifuoco, esteso alle 24, l’obbligo di stare a tavola all’aperto, e il divieto di assembramento.

SENATO APPROVA MOZIONI SU VITALIZI, M5S PROTESTA IN AULA

Cartelli e proteste al Senato dopo il voto sulle mozioni relative ai vitalizi. L’Aula del Senato ha approvato documenti tra loro contrastanti. Prima il sì alla revoca dei vitalizi ai condannati, sulla mozione targata Cinque stelle, Pd e Leu che chiede di applicare la legge Severino e revocare dunque la pensione ai senatori condannati in via definitiva. L’aula di Palazzo Madama ha approvato anche la mozione di Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega che chiede di rivalutare la direttiva del Senato che toglieva i vitalizi. Sono seguite vivaci proteste, con l’esibizione di cartelli in Aula, da parte dei pentastellati. La questione torna dunque al Consiglio di Garanzia, che nell’ultima riunione aveva deciso di restituire il vitalizio all’ex presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni.

NO ALLA PROPOSTA LETTA, LO STOP DEL MEF

Il governo chiude la porta alla proposta di Enrico Letta di aumentare la tassa di successione e finanziare così un aiuto per i giovani delle famiglie meno abbienti. Secondo il ministro dell’Economia Daniele Franco è sbagliato parlarne ora. La riforma fiscale è attesa a luglio perciò “non è bene intervenire su singole componenti del sistema”. Nel corso del question time alla Camera, il titolare del Tesoro ha ribadito che “le singole imposte interagiscono tra di loro”, quindi occorre un disegno di respiro generale. E’ invece pronta a decollare Ita, la compagnia aerea nazionale che sostituirà Alitalia: “La soluzione è vicina”, ha annunciato Franco, ma il nuovo vettore avrà meno rotte, flotte e dipendenti. La discussione sul Decreto Semplificazioni è rinviata ai prossimi giorni, comunque le norme sul massimo ribasso e il subappalto libero dovrebbero essere stralciate dalla bozza.

IL MANIFESTO COMPIE 50 ANNI

‘Il Manifesto’ compie 50 anni e festeggia con una serie di iniziative dedicate ai lettori, con contenuti, inserti e novità che accompagneranno il quotidiano comunista fino a fine anno. Alla Camera la direttrice Norma Rangeri, con Massimo D’Alema e Nicola Fratoianni hanno presentato il secondo Album speciale, dedicato agli anni Ottanta. Nelle novantasei pagine sono riprodotte prime pagine celebri, come quella titolata ‘Non moriremo democristiani’. Ma anche articoli dei fondatori e di alcune firme storiche come Luigi Pintor sulla strage di Bologna, la morte di Berlinguer e lo scioglimento del Pci, Valentino Parlato sulla P2, Federico Caffè sul terremoto in Irpinia. Il Manifesto faceva la sua comparsa in edicola il 28 aprile 1971, al prezzo di 50 lire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»