Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’allarme del garante detenuti della Campania: “Solo uno su duemila esce per lavorare all’esterno”

garanti detenuti campania
È allo studio un progetto con l'assessore alle Politiche del lavoro del Comune di Napoli per consentire ad almeno 10 detenuti di Poggioreale e Secondigliano di svolgere lavori di pubblica utilità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “La tragedia di Napoli è questa: ci sono carceri poco aperte alla città. Pensiamo che a Poggioreale su 2.101 detenuti uno solo usciva per lavorare all’esterno. A Secondigliano solo due”. Sono i dati diffusi questa mattina dal garante dei detenuti della Campania Samuele Ciambriello nel corso di un convegno al Maschio Angioino per la presentazione del rapporto annuale delle attività svolte dall’ufficio del garante delle persone detenute del Comune di Napoli.

“La pandemia – ha aggiunto Ciambriello – ha triplicato i problemi che già c’erano. Un anno e mezzo e i familiari non hanno ripreso le relazioni umane, sono stati interrotti i rapporti, i corsi di formazione, la scuola, tutto. Il detenuto, così, resta in cella per venti ore e poi le 4 ore d’aria. Gradualmente si torna alla normalità, ma abbiamo bisogno di incrementare le possibilità per i detenuti, altrimenti le carceri restano luoghi chiusi come ancora oggi sono Poggioreale e Secondigliano”. È allo studio un progetto con l’assessore alle Politiche del lavoro del Comune di Napoli Giovanni Pagano per consentire ad almeno dieci detenuti di Poggioreale e Secondigliano di svolgere lavori di pubblica utilità. “Prima di essere garante sono un uomo delle carceri – ha detto il garante del Comune di Napoli Pietro Ioia – e purtroppo siamo ancora in pochi a volere un carcere più umano, nonostante l’Europa continui a bacchettare l’Italia. Le carceri fanno schifo, non sono rieducative e oggi chi entra in carcere esce più criminale di prima. Ci vorrebbero, inoltre, più pene alternative al carcere ma, purtroppo, i tribunali di sorveglianza non rispondono come dovrebbero. Il 70% delle carceri è abitato da detenuti poveri che non si possono pagare un avvocato. Questi sono coloro che scontano tutta la pena in carcere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»