Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La Vigilanza Rai scrive a Fedez, lui risponde con tre emoticon di pagliacci

fedez imago
Il presidente della Commissione di Vigilanza Rai, Alberto Barachini: "La sua risposta denota una mancanza di rispetto dell’istituzione parlamentare"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Volano (ancora) gli stracci tra la Rai e Fedez, dopo che il rapper, al secolo Federico Lucia, dal palco del concerto del Primo maggio ha denunciato un tentativo di censura ai suoi danni. La Rai ha intrapreso azioni legali contro Fedez, Fedez ha annunciato di aver fatto lo stesso. Nel frattempo, Fedez ha chiesto alla Commissione di Vigilanza Rai di audirlo, dalla Commissione è arrivato un ‘no’, accompagnato dall’invito a inviare una memoria. La risposta di Fedez? Le emoticon di tre pagliacci.

LEGGI ANCHE: Il discorso di Fedez al concerto del Primo maggio
“A Fedez facce Tarzan”, dopo Berlusconi e Grillo eccone un altro
I politici italiani con Fedez: “Inaccettabile censura. Ci aspettiamo le scuse dalla Rai”

“Questa mattina ho inviato al dott. Fedez una lettera con la quale ho rinnovato l’invito a trasmettere alla Commissione di Vigilanza una memoria, nella forma che reputa più appropriata, al fine di illustrare le sue ragioni sulla vicenda del Concerto del primo maggio. Con la medesima lettera ho altresì comunicato al dott. Fedez la decisione, adottata all’unanimità dalla Commissione nella seduta di ieri sera, di non procedere alla sua audizione, in considerazione del quadro normativo e regolamentare che disciplina l’attività e la sfera di competenza dell’organismo da me presieduto, nonché di motivi di opportunità, per la recente scelta della Rai e dello stesso Fedez di adire le vie legali. Io e la Commissione che presiedo abbiamo, pertanto, rispettato il dott. Fedez e tutelato la sua posizione. La sua risposta – tre emoticon di clown – denota, invece, una mancanza di rispetto dell’istituzione parlamentare e della Commissione che mi onoro di presiedere. Di questo sono amareggiato”, ha ricostruito la vicenda il presidente della Commissione di Vigilanza Rai, Alberto Barachini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»