Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Reggio Calabria restituito un dipinto sparito nel 1920

quadro restituito reggio calabria
Il quadro raffigurante San Prospero realizzato dal pittore emiliano Cirillo Manicardi (1910) è stato recuperato all'interno di una abitazione privata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “La persona che aveva il quadro probabilmente era ignaro della provenienza, l’ha avuto in eredità. Il quadro era sparito dal 1920. Siamo riusciti, attraverso delle immagini fotografiche e dalla comparazione con la nostra banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti, a poterlo recuperare nell’abitazione che era stata individuata a seguito di una segnalazione”. Così alla Dire il capitano Bartolo Taglietti a capo del Nucleo tutela del patrimonio culturale di Cosenza oggi a Reggio Calabria in occasione della restituzione del dipinto raffigurante San Prospero, quadro opera del 1910 realizzata dal pittore emiliano Cirillo Manicardi (1910), e donata alla città reggina da monsignor Emilio Cottafavi, inviato dal Papa Pio X a seguito del terremoto del 1908 per curare la ricostruzione delle chiese distrutte dal sisma. Il canonico fece realizzare alcune chiese baracche per consentire l’esercizio del culto: tra esse quella dedicata a San Prospero, patrono di Reggio Emilia, per il cui altare maggiore commissionò a Manicardi l’immagine del Santo in piedi sulle macerie della città di Reggio Calabria.

L’opera, rintracciata in un’abitazione privata nel capoluogo dello Stretto e restituita dopo tre mesi di istruttoria delle pratiche, sarà custodita nel museo Aurelio Sorrentino dell’Arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova. Alla cerimonia di riconsegna hanno partecipato l’arcivescovo Giuseppe Fiorini Morosini, amministratore apostolico di Reggio Calabria-Bova, il prefetto Massimo Mariani, il sindaco Giuseppe Falcomatà, il colonnello Marco Guerrini comandante provinciale dei carabinieri, Salvatore Patamia segretario regionale ministero della Cultura della Calabria, e monsignor Antonino Denisi decano del Capitolo della Cattedrale di Reggio Calabria grazie al quale è scattata la segnalazione della nuova individuazione del quadro.

FALCOMATÀ: “GRATITUDINE PER LA RESTITUZIONE DEL QUADRO DI SAN PROSPERO

“Per il Museo Diocesano e per l’intera comunità reggina il ritorno a casa dell’opera raffigurante San Prospero è una bellissima notizia e motivo grande orgoglio. Voglio rinnovare, in tal senso, i sentimenti di gratitudine di tutta Reggio Calabria nei confronti dell’arma dei carabinieri e dell’Arcidiocesi per aver portato a termine con successo un percorso di restituzione alla città di un patrimonio storico, artistico e culturale di grandissimo rilievo”. Così il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, presente oggi alla cerimonia di riconsegna del dipinto alla comunità religiosa cittadina.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»