Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Minacce al viceministro Sileri, assegnata la scorta: la procura apre un’indagine

Solidarietà dal M5s: "Avanti, non ci facciamo intimidire"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Procura di Roma ha aperto un’indagine per minacce gravi ai danni del viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri. Secondo quanto si apprende, al momento il procedimento e’ contro ignoti. Da alcuni giorni Sileri e’ sotto tutela ed e’ accompagnato da un agente di pubblica sicurezza.

M5S: PROFONDA SOLIDARIETÀ A SILERI

“Siamo vicini al nostro viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri per le vili minacce e pressioni che ha subito. A Sileri ribadiamo la nostra stima, la nostra vicinanza e il nostro sostegno. Si e’ speso come pochi per far fronte a questa emergenza da Covid-19 e lo invitiamo a non demordere. Il suo lavoro e’ prezioso, per il MoVimento 5 Stelle, per il ministero della Salute e per tutti i cittadini”. Cosi’, in una nota congiunta, i capigruppo del MoVimento 5 Stelle alla Camera e al Senato Davide Crippa e Gianluca Perilli.

CRIMI: VICINO A SILERI COSTRETTO A MUOVERSI SOTTO SCORTA

“La mia piu’ sincera solidarieta’ e vicinanza al viceministro della Salute Sileri, costretto a muoversi sotto scorta dopo le minacce ricevute sulla destinazione di fondi per l’emergenza Covid 19. Pierpaolo, e con lui tutto il M5s, non si fanno intimidire. Avanti cosi'”. Lo scrive su twitter Vito Crimi, capo politico M5s.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»