Centri estivi a entrate scaglionate, ecco linee guida Emilia-Romagna

Mascherina obbligatoria, piccoli gruppi ed entrate scaglionate: al via dall'8 giugno i centri estivi. Il certificato medico non è necessario
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Ingressi scaglionati, obbligo di mascherina e controllo della temperatura. Ma niente obbligo di certificato medico per frequentare. Con le linee di indirizzo adottate oggi in via definitiva, l’Emilia-Romagna dà così il via libera ai centri estivi per bambini e ragazzi dai tre anni in su, che potranno iniziare dal prossimo 8 giugno.

Il documento, condiviso con enti locali, gestori, pedagogisti, esperti e sindacati, sarà recepito nei prossimi giorni da un’ordinanza del governatore Stefano Bonaccini, subentrando così all’attuale direttiva regionale.

LEGGI ANCHE: A Rimini centri estivi dal 2 giugno, gruppi di 5 bimbi

Quali sono le novità? Prima di tutto gli ingressi scaglionati per evitare affollamenti, quindi i genitori dovranno portare i figli con orari differenziati. I punti di accoglienza dovranno essere all’esterno e all’arrivo verrà chiesto se il bambino ha avuto febbre, tosse o difficoltà respiratoria nei giorni precedenti, ma non è richiesto il certificato medico per la frequenza del centro estivo. All’ingresso prevista la possibilità di controllare la temperatura, sia per educatori sia per i bambini, che avranno anche l’obbligo di igienizzare le mani in entrata e in uscita. Tutti dovranno indossare la mascherina.

Confermata l’indicazione di svolgere le attività in piccoli gruppi, il cui numero varia a seconda dell’età: per i bambini tra tre e ciNque anni, ci sarà un adulto ogni cinque; per i bambini di sei-11 anni un adulto ogni sette; per gli adolescenti un adulto ogni dieci ragazzi.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Le indicazioni della Sip sulla fase 2: “Nei centri estivi creare dei gruppi omogenei”

Nei centri estivi è richiesta la presenza di un responsabile con formazione specifica e gli operatori dovranno essere in possesso del diploma di scuola superiore o laurea. Consentiti anche volontari minorenni, di almeno 16 anni, formati ad hoc, ma che non concorrono alla determinazione del rapporto numerico del gruppo. Prevista la possibilità per gestori e famiglie di condividere un patto di responsabilità reciproca sui rischi e le misure di precauzione adottate.

Per i centri estivi è consigliata l’attività all’aria aperta, ma sarà “necessario individuare una pluralità di spazi, con attenta valutazione della sicurezza”, utilizzando anche ambienti come ludoteche, centri per famiglie, oratori, fattorie didattiche, colonie estive e spazi di aggregazione.

Tutte le aree e le attrezzature dovranno essere igienizzate ed è richiesta particolare attenzione durante i pasti, perchè i bambini non condividano posate e bicchieri. Non si potranno organizzare feste di fine corso, ma le attività “potranno essere documentate con video da consegnare alle famiglie”.

Il protocollo della Regione dà anche indicazioni per lo svolgimento in sicurezza dei giochi motori per i bambini tra tre e 11 anni. “Tradizionalmente in Emilia-Romagna le attività estive dedicate a bambini e ragazzi si caratterizzano con l’attività fisica- sottolinea Giammaria Manghi, capo della segreteria politica di Bonaccini- e soprattutto in questa fase va sottolineata la loro importanza per migliorare le condizioni di salute, promuovere il benessere psicologico, della popolazione infantile dopo il periodo di lockdown”.

LEGGI ANCHE: Obiettivo centri estivi per bambini in Emilia-Romagna. E Schlein avverte: “No a fase 2 con mamme a casa”

Soddisfatta la vicepresidente Elly Schlein. “Con la tanto attesa cornice di regole sanitarie e di distanziamento possono finalmente partire in sicurezza le attività educative per bambini e ragazzi, con un ventaglio di offerte varie a carattere ludico-ricreativo di qualità- sottolinea l’assessore regionale al Welfare- siamo arrivati a questo risultato grazie a un lavoro approfondito e condiviso, per il quale ringrazio ancora una volta tutti i soggetti che si sono riuniti attorno al tavolo per trovare soluzioni a un problema davvero sentito dalle famiglie e dalle istituzioni”.

Con oggi, dunque, si chiude “un percorso che è partito il 24 di aprile, che ci ha permesso di condividere proposte concrete con il Governo, prese ad ampio riferimento per le linee guida nazionali che oggi specifichiamo in questo protocollo”. Come Regione, continua Schlein, “abbiamo più volte ribadito l’esigenza di accompagnare la ripresa delle attività economiche e lavorative con la graduale ripresa dei percorsi educativi e di socialità di bambini e adolescenti, sostenendo in questo modo a nche le famiglie nella gestione del carico di cura e dei figli, che in questi mesi hanno gravato in modo innegabile unicamente sulle loro spalle, in particolare delle donne. E non ci possiamo permettere passi indietro su un tema di fondamentale importanza e attualità come quello della conciliazione dei tempi di cura e di lavoro”. Al tempo stesso, aggiunge la vicepresidente, “va tutelato il lavoro dei nostri educatori, che rappresentano un vero patrimonio sociale. Siamo dunque pronti a partire e a farlo in sicurezza”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»