Basilicata, Bardi: “Ripotenziare la sanità pubblica”

Lo sostiene il presidente della Regione Basilicata al primo consiglio regionale dopo la pandemia svolto in presenza nel palazzo della giunta, a Potenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “Premesso che se delle cose sono andate bene in Basilicata e’ per mera fortuna e che se invece fossero andate male sarebbe stato per mia personale responsabilita’, cosi’ come ho letto e sentito in questi giorni, dobbiamo guardare al futuro con la consapevolezza che non vi e’ ancora una cura per combattere il Covid-19 e che la scienza non ha soluzioni univoche”. Cosi’ il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi al primo consiglio regionale dopo la pandemia svolto in presenza nel palazzo della giunta, a Potenza.

Bardi ha sottolineato come la pandemia abbia reso evidenti tutte le scelte sbagliate fatte in passato sul sistema ospedaliero. “Ora – ha aggiunto – dobbiamo ripotenziare la sanita’ pubblica. Ripensare il numero chiuso all’universita’ di medicina”. Il presidente ha annunciato che e’ allo studio una profonda riforma del sistema sanitario regionale, precisando pero’ anche che “non e’ oggi il momento di discutere su come vorremmo costruire il nuovo sistema sanitario regionale: troveremo tempi e modi per farlo insieme, ma e’ chiaro che cosi’ non si puo’ andare avanti. Questa e’ una risposta che dobbiamo dare nei prossimi mesi alla comunita’ lucana che l’attende da tempo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»