Brasile, bufera sulla telenovela Segundo Sol: “Discrimina i neri”

I procuratori accusano, il gruppo editoriale 'O Globo' si scusa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il principale gruppo editoriale del Brasile è finito nel mirino della magistratura per ‘Segundo Sol‘: nella telenovela, ambientata a Salvador de Bahia, nel nord-est segnato dallo schiavismo, sono stati “dimenticati” gli attori neri, afroamericani e meticci. A muovere l’accusa sono stati sette procuratori, firmatari di una notifica nella quale sono elencate 14 misure da adottare in chiave anti-discriminazione. Il gruppo editoriale, ‘O Globo’, ha riconosciuto di aver dato “rappresentanza minore” a neri e meticci e si è impegnato a rimediare.
In onda in prima serata da metà maggio, ‘Segundo Sol’ è una telenovela di successo che intreccia amori, drammi e tradimenti familiari. Per la sua rappresentazione della società brasiliana, però, era già stata contestata dall’Unione dei neri per l’uguaglianza. L’associazione aveva sottolineato che in ‘Segundo Sol’ anche l’assegnazione delle parti rischiava di alimentare stereotipi e pregiudizi: gli unici tre attori afroamericani del cast interpretano calciatori o danzatori di samba figli di degrado e povertà.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»