Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Finanze, c’è tempo fino a domani per sottoscrivere titoli di Stato

SAN MARINO - Termina domani, alle 16 del
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

fisco_soldi_euro

SAN MARINO – Termina domani, alle 16 del pomeriggio, la possibilità per i risparmiatori del Titano di sottoscrivere titoli di debito pubblico della Repubblica di San Marino. Una nota della segreteria di Stato per le Finanze ricorda che l’ammontare complessivo dell’emissione pubblica è di 10 milioni di euro per titoli di durata decennale. I risparmiatori sammarinesi possono sottoscriverli rivolgendosi direttamente agli istituti di credito di riferimento: Cassa di Risparmio, Banca di San Marino, Asset Banca, Banca sammariense di Investimento, presso cui è possibile reperire tutte le informazioni relative all’emissione.

Da Palazzo Begni inoltre sottolineano come per tutto il periodo di collocamento non sia applicato a carico dei sottoscrittori alcun onere o commissione in relazione all’attività di raccolta. Gli interessi sono esenti da imposte, per i primi due anni sono pari ad un tasso fisso del 2%, mentre per gli anni successivi il rendimento è a tasso variabile Euribor 6 mesi, aumentato di uno spread dell’1,50% su base annua. Qualora un risparmiatore abbia necessità di vendere i titoli prima della scadenza, questi potranno essere riacquistati direttamente dalle banche allocatrici.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»