Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rom. A Firenze sgomberate 100 persone da un casolare occupato

[caption id="attachment_9852" align="alignleft" width="300"] Sgombero_rom[/caption] ROMA  - Sgomberato stamattina alle 8
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Sgombero_rom
Sgombero_rom

ROMA  – Sgomberato stamattina alle 8 un casolare abbandonato alla periferia nord di Firenze, dove da circa due anni avevano trovato rifugio quasi cento persone rom e qualche cittadino marocchino. L’edificio versa in condizioni fatiscenti, sia internamente che esternamente, e proprio qui numerose famiglie avevano costruito le loro stanze con tanto di letti e armadi. Tra gli occupanti anche una quarantina di bambini, alcuni dei quali molto piccoli.

Le forze dell’ordine sono arrivate intorno alle 8. Inizialmente, gli occupanti hanno tentato di opporre resistenza, non sono mancati i momenti di tensione ed è partito qualche spintone tra poliziotti in tenuta antisommossa e occupanti. Dopodiché, tutti i rom hanno cominciato ad uscire alla spicciolata dal casolare portando con sé valigie e tantissimi sacchetti della spazzatura, all’interno dei quali hanno messo i loro beni.

Sul posto anche i servizi sociali del Comune, che hanno tentato di offrire soluzioni alternative agli sgomberati, anche se sono limitate le possibilità offerte da Palazzo Vecchio, data anche l’emergenza sbarchi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»