hamburger menu

Licenziata dopo un infortunio sul lavoro, Tribunale di Potenza accetta il ricorso

L'episodio è avvenuto al Comune di Vietri, in Basilicata. Fp Cgil: "Giustizia è fatta"

giustizia-tribunale

POTENZA – A distanza di quasi due anni il Tribunale del capoluogo lucano si è pronunciato a favore della lavoratrice del Comune di Vietri di Potenza che, improvvisamente e senza preavviso, era stata licenziata per non aver avvisato dell’infortunio, accaduto in ufficio e durante l’orario di lavoro, il proprio datore di lavoro. Lo rende noto la Fp Cgil di Potenza che in una nota commenta: “Finalmente la giustizia ha fatto il suo corso e il Tribunale ha accolto il ricorso della lavoratrice che, a soli quattro mesi dal collocamento a riposo, veniva licenziata in tronco. Chissà quali sono state le motivazioni che hanno portato l’amministrazione del Comune di Vietri ad agire in questo modo nei confronti di una donna di una certa età che ha dato quarant’anni della sua vita allo stesso Comune”.

Il sindacato chiede al Comune di Vietri di “reintegrare la lavoratrice per i pochi mesi che le restano per andare in pensione e di risarcirla dei danni materiali e morali subiti a causa di questo comportamento irrazionale che danneggia l’intera comunità”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-04-26T16:32:04+02:00