Von der Leyen: “Ad Ankara trattamento ingiustificabile, è successo perché sono una donna”

erdogan
La presidente della Commissione europea commenta quanto accaduto durante la visita in Turchia a marzo, quando Erdogan l'ha fatta accomodare sul divano in posizione defilata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Alessio Pisanò

BRUXELLES – “Il trattamento che mi è stato riservato” in Turchia “è ingiustificabile, devo concludere che è successo perché sono una donna“. Lo ha detto oggi la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, durante una sessione plenaria al Parlamento europeo, in merito a quanto accaduto in occasione della visita in Turchia a marzo.

Charles Michel, presidente del Consiglio europeo, intervenuto sempre al Parlamento europeo, ha ripetuto nuovamente di avere “più volte espresso il suo rammarico pubblicamente” per quanto accaduto ad Ankara e di non aver reagito per “evitare un incidente ancora più grande”, che avrebbe potuto inficiare “mesi di trattative” per recuperare la relazione con la Turchia, “già difficile da molti anni”.

LEGGI ANCHE: Erdogan un dittatore, verità di Draghi irrita lacchè turchi e pure italiani

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»