Tavole imbandite e ombrelli: la #protestaligure dei ristoratori in piazza a Genova

Fabrizio Bogo protesta ristoratori genova
"Non esistono ristoranti di serie A o di serie B - spiega Fabrizio Bogo, anima della protesta - lottiamo per avere uguaglianza di trattamento da parte dello Stato tra ristoranti all'aperto e al chiuso"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Piazza De Ferrari diventa un grande ristorante a cielo aperto. Nel primo giorno di ritorno in zona gialla, i ristoratori della #protestaligure e i rappresentanti delle altre categorie più colpite dalle chiusure per la lotta alla pandemia tornano a manifestare a Genova. Sedie, tavolini apparecchiati e ombrelli perché “lavorare all’aperto, anche per chi può, non è così semplice- spiega Fabrizio Bogo, anima della protesta– prima eravamo obbligati a lavorare con le app di delivery, adesso siamo obbligati a lavorare con le applicazioni del meteo per capire se il tempo ci garantisce di fare un servizio o meno”.

La #protestaligure, che da dieci giorni ha allestito una tenda ancorata sotto i portici del palazzo della Regione, chiede che venga “eliminata la discriminazione tra le varie categorie di ristoranti: vorremmo eliminare questa disparità e avere tutti la possibilità di fare lo stesso lavoro allo stesso orario, in tutte le categorie di ristoranti. Non esistono ristoranti di serie A o di serie B: lottiamo per avere uguaglianza di trattamento da parte dello Stato tra ristoranti all’aperto e al chiuso”.

LEGGI ANCHE: Ristoratori infuriati a Parma: “La riapertura? Un contentino”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»