Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

1 Maggio, torna il concertone: Nannini star del “Festival rock”

La sicurezza sul lavoro il tema dell'evento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’ironia di Lodo, l’esperienza di Ambra Angiolini. Tutto a fare da contorno ad un tema importantissimo come può essere quello della sicurezza sul lavoro. Se ne è parlato a Roma, presso la sede Rai di viale Mazzini, in occasione della conferenza stampa di presentazione del Concertone del 1 maggio, da tradizione a Piazza San Giovanni in Laterano. Promosso da Cgil, Cisl e Uil e organizzato da iCompany, torna l’atteso appuntamento con il concerto del primo maggio a Roma che, anche quest’anno, sarà in diretta da Piazza San Giovanni in Laterano per 8 intense ore di musica, dalle 15 a mezzanotte su Rai 3 e dalle 16 anche in diretta su Rai Radio2. Quest’anno Rai Radio2, oltre a seguire l’evento on air dalle ore 16 a mezzanotte, per la prima volta racconterà il backstage del Concertone in diretta sulla pagina Facebook di Radio2 e il canale YouTube della Rai e sarà presente in piazza con una conduzione interamente al femminile, composta da Andrea Delogu, Ema Stokholma, Melissa Greta Marchetto e Carolina Di Domenico. Centinaia gli eventi per tutto il paese, sarà Prato ad ospitare il tradizionale corteo dei lavoratori e il comizio dei tre leader sindacali, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo. La città, sottolineano i sindacati, “rappresenta un’importante e simbolica realtà industriale dove il tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro è fortemente sentito”. All’alba si recheranno a Massa Carrara per deporre una corona di fiori per ricordare i morti sul lavoro.
“Il 1 maggio è una festa, una vetrina, ma anche una occasione per riflettere”, ha detto Stefano Coletta, direttore di Raitre. Alla conferenza hanno preso parte anche i segretari confederali organizzativi di Cgil, Cisl e Uil, Nino Baseotto, Giovanna Ventura e Pierpaolo Bombardieri.

Baseotto: “Nei primi 4 mesi dell’anno ci sono stati 160 morti sul lavoro”

Baseotto ha ricordato che “nei primi 4 mesi dell’anno ci sono stati 160 morti sul lavoro, più di 40 morti al mese. La sicurezza deve interrogare tutti, la sicurezza sul lavoro è una emergenza nazionale”. Per Ventura, invece, “la sicurezza è il cuore del lavoro. Quando ci sono morti sul lavoro, si parla quasi sempre di fatalità o di incidente. Ma per la maggior parte delle volte è sempre per disinteresse per la salute e per la sicurezza delle persone”. In Italia, secondo Bombardieri, “i numeri della disoccupazione giovanile hanno una ricaduta diversa se andiamo a vedere al sud. Abbiamo una nazione a 2 velocità. Il tema della sicurezza sul lavoro è una guerra, abbiamo mille morti l’anno”.

In conferenza Lodo e Ambra hanno dato un assaggio di quello che vedremo sul palco di San Giovanni. I due, che non si erano mai conosciuti prima, hanno mostrato invece una affinità immediata: “Non sono mica la tua badante- ha esordito Ambra- Al limite la tata”. La replica di Lodo: “Tata? Mi piace…mi si apre il cuore! Penso che andrà tutto bene”, ha detto tra le risate generali. I conduttori hanno annunciato che non percepiranno il proprio compenso, che hanno deciso di destinare ad un progetto, però da definire: “Un progetto per i giovani che abbiano voglia di cominciare ma che non possono”. Oppure, considerando il tema di questo primo maggio, alla sicurezza di cui parlare nelle scuole.

Nannini a sorpresa

A sorpresa, per i giornalisti, si è presentata Gianna Nannini: “Questo è un festival rock- ha detto la cantautrice toscana, arrivata in conferenza con le stampelle, ‘ricordo’ di una caduta in un concerto a Genova di poche settimane fa- Si apre nuova pagina della musica italiana. C’è un fermento nascente, è una grande occasione. Ognuno ha il suo rock, noi questa realtà. Quest’anno piu’ degli altri anni è importante”.  Parlare di sociale in spazi come questo “è una grossa chance, meglio della politica che ha portato pochi risultati. Meno chiacchiere e più musica. Cosa farò nella mia esibizione? Sarà una sorpresa. Sarà fenomenale”.

Gli artisti sul palco

Questi i nomi degli artisti confermati che saranno sul palco dell’edizione 2018 del Concerto del Primo Maggio: Gianna Nannini – Fatboy Slim – Max Gazzè & Form – Carmen Consoli – Ermal Meta – Sfera Ebbasta – Lo Stato Sociale – Cosmo – Le Vibrazioni – Calibro 35 – i Ministri – The Zen Circus – Canova – Willie Peyote – Ultimo – Nitro – Achille Lauro e Boss Doms – Gazzelle – Francesca Michielin – Frah Quintale – Gemitaiz – Maria Antonietta – Galeffi – Mirkoeilcane – John De Leo – Wrongonyou – Dardust ft. Joan Thiele. Si aggiungono ai nomi in line up anche i vincitori dei contest che ogni anno danno la possibilità ad alcuni giovani e talentuosi artisti di calcare il palco di Piazza San Giovanni.

Si esibiranno al Concertone 2018 in qualità di vincitori di 1M NEXT 2018: Erio, La Municipàl e Zuin. Il vincitore assoluto verrà poi proclamato durante l’evento ed avrà la possibilità di ricevere i premi di Siae, Nuovo Imaie, Altoparlante e MEI. Sul palco di Piazza San Giovanni suoneranno anche Esposito (vincitore di Area Sanremo – concorso partner di 1M NEXT fin dal 2016), Braschi (selezionato dal contest iLiveMusic), Giorgio Baldari (dal contest musicale per la Sicurezza Stradale #buonmotivo) e gli Indigo Face, band alternative-pop londinese che ha trionfato alla finale di 1MEurope 2018 che si è svolta al Cargo2 di Londra.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»