Cartello al collo del rettore, a Bologna condannati 13 attivisti del Cua

Il blitz in rettorato avvenne durante il Cda del 27 novembre 2012
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Si chiude con la condanna di tutti gli imputati il processo di primo grado a carico di 13 attivisti del Cua (Collettivo universitario autonomo) di Bologna per il blitz in rettorato durante il Cda del 27 novembre 2012, in cui gli studenti cercarono di mettere un cartello con la scritta ‘Ivano Dionigi non vuole mettere i soldi‘ al collo dell’allora rettore Ivano Dionigi.

I 13 erano accusati, a vario titolo, di violenza privata e oltraggio, interruzione di pubblico servizio, imbrattamento e manifestazione non autorizzata. Nel dettaglio, il giudice Luisa Raimondi ha accolto, per i tre promotori del blitz, le richieste del pm bolognese Antonello Gustapane, condannandoli a un anno e sei mesi, mentre ha fatto un piccolo ‘sconto’ agli altri 10 attivisti, condannandoli a 10 mesi anziché a un anno e due mesi come chiedeva la Procura.

Per otto imputati è stata stabilita la sospensione condizionale della pena, mentre le motivazioni dovrebbero essere depositate nel giro di 90 giorni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»