Lo scandalo Weinstein diventa un film, a produrlo Brad Pitt

ROMA - Sarà la star Brad Pitt a portare sul grande schermo lo scandalo che ha fatto tremare Hollywood. La
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sarà la star Brad Pitt a portare sul grande schermo lo scandalo che ha fatto tremare Hollywood. La storia di Harvey Weinstein è stata acquisita dalla “Plan B”, la casa di produzione dell’attore, e diventerà presto un film. Al centro della pellicola l’inchiesta giornalistica condotta da Jodi Kantor e Megan Twohey del New York Times. Alle due reporter quest’anno è andato il premio Pulitzer (condiviso con Ronan Farrow del New Yorker) per il lavoro di indagine che ha permesso di portare alla luce i casi di molestie di cui è accusato il magnate.

Leggi anche Molestie, Weinstein vicino all’arresto

Per ora il film non ha un regista ne si sa chi saranno gli interpreti, ma il modello a cui si ispirerà sarà quello de “Il caso Spotlight”, pellicola che racconta le indagini sui casi di pedofilia all’interno della Chiesa Cattolica, premio Oscar come Miglior Film del 2016. Un film di impianto giornalistico dunque, che non si soffermerà quindi troppo sulla figura di Weinstein in se. Weinstein che Pitt conosce personalmente e sul cui operato il sex symbol è stato uno dei pochi a non tacere. Pitt infatti negli anni ’90 è stato protagonista di un acceso scontro con il produttore cinematografico. All’epoca Pitt era fidanzato con Gwynet Paltrow, una attrici cadute nella rete di Weinstein.

Leggi anche Harvey Weinstein aggredito in un ristorante

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»