Alfie, oggi i genitori tratteranno per portare il piccolo a casa

Ieri la Corte d'Appello di Londra ha respinto il ricorso dei genitori del piccolo: "Trasferimento in Italia inutile"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Alfie Evans continua a respirare nonostante il distacco delle macchine avvenuto la sera del 23 aprile. Il bambino inglese di 23 mesi affetto da una grave malattia neurodegenerativa si trova ancora nell’ Alder Hey’s Hospital di Liverpool. I genitori però hanno espresso il desiderio di portarlo a casa dopo l’ennesimo ‘no’ di ieri della Corte d’Appello di Londra a un trasferimento del bambino in Italia. “E’ tutto inutile viste le sue condizioni” la dolorosa sentenza al ricorso di Tom e Kate Evans. A nulla è valsa la cittadinanza italiana attribuita in tempi record al bambino che si sperava gli avrebbe consentito di essere curato presso l’ospedale Bambino Gesu’ di Roma. Oggi il padre del piccolo ha dichiarato che nel pomeriggio tratterà con i medici per portare suo figlio a casa.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»