Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Petizione di oltre 1.000 romani per riaprire la totalità di villa Ada

Oltre mille romani che frequentano Villa Ada hanno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

villa adaOltre mille romani che frequentano Villa Ada hanno firmato nella giornata del 25 aprile una petizione per chiedere la riapertura integrale del parco sulla via Salaria. Inoltre questa mattina, nel corso di un flash mob, è stato affisso uno striscione di protesta sulle recinzioni.

La petizione – indirizzata al Dipartimento Tutela ambientale di Roma Capitale, al Servizio Giardini e alla Sovrintendenza Capitolina-Ufficio Ville storiche – chiede “a nome dei cittadini indignati per la chiusura già da tre mesi di una vasta area del parco di Villa Ada, senza alcuna comunicazione sui previsti tempi della sua riapertura”: l’immediata verifica da parte di esperti indipendenti (dell’Orto Botanico di Roma) delle condizioni di salute e sicurezza dei pini, per permettere la più rapida riapertura del parco alla fruizione pubblica. La limitazione dell’abbattimento al minor numero possibile di esemplari di pini e la loro sostituzione con altri pini, considerato che tali alberi sono la caratteristica storica di Villa Ada. Infine che sia garantito il pieno coinvolgimento della cittadinanza e degli utenti del parco in tutte le fasi delle operazioni che riguarderanno le alberature di Villa Ada.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»