Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Crisanti: “La normalità? Quando avremo vaccinato 30 milioni di persone”

andrea crisanti
Stupore per le parole del ministro del Turismo Garavaglia, che pensa alle riaperture per l'estate: "Mi sento scoraggiato"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Per il ministro Garavaglia in estate si potranno riaprire le discoteche all’aperto? “Non posso credere che abbia detto una cosa del genere, una cosa del genere mi fa sentire scoraggiato. Il ministro del Turismo sembra abbia fatto un viaggio nel passato, tornando al 2019″. A parlare a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, è il professore Andrea Crisanti, direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Azienda ospedaliera di Padova.

LEGGI ANCHE: Covid, Garavaglia: “Ottimista su estate, spero si apra per non chiudere più”

Le dichiarazione del titolare del Turismo le sembrano poco avvedute? “Bisognerà vedere come evolve il virus, fare promesse così senza sapere quale sarà la situazione genera nelle persone frustrazione se poi non si potranno mantenere. Meglio dire ‘non lo sappiamo ma faremo tutto il possibile per raggiungere questo obiettivo’. Ecco, questo sarebbe l’atteggiamento giusto”.

Crede che dopo questo periodo di restrizioni si potrà iniziare a fare delle riaperture? “Se prendiamo l’esempio virtuoso dell’Inghilterra, si sono fatti tre mesi e mezzo di lockdown e poi hanno avuto un atteggiamento di valutazione in base al momento. Non si può certo dire apriamo o non apriamo a priori”.

Secondo lei dopo la Pasqua le scuole dovrebbero riaprire? “Io alle regioni direi: si aprono le scuole laddove sia stato raggiunto l’80% degli ultra settantenni e dei fragili, gli darei questo bell’obiettivo. Questo ovviamente oltre alla diminuzione dei contagi“. Quando si tornerà, allora, ad ‘avvicinarci’ alla normalità? “Quando avremo 20 o 30 milioni di persone vaccinate, le quali avranno l’aspettativa di muoversi liberamente”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»