Dantedì, Benigni: “Poeta fondò Partito di Dante, Pd, ma non vinse mai”

benigni_dante
E scherzando con Mattarella: "A disposizione se ha bisogno di un corazziere oppure un cuoco, un autista, un sarto, un barbiere. Una volta ho sentito in tv che non aveva il barbiere"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dante ha partecipato alla vita politica della sua città con diversi ruoli politici, ma non gli ha portato bene la politica. Alla fine non ne poteva più e ha detto ‘basta con la politica‘. Ha fatto un partito dove c’era solo lui, il partito di Dante, il Pd. Non ha vinto mai, questo Pd, questo partito di Dante, sono settecento anni che non trova pace”. Lo ha detto un ironico Roberto Benigni, ieri sera nel Salone dei Corazzieri, al Quirinale, dove alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e del ministro della Cultura, Dario Franceschini, ha letto il XXV Canto del Paradiso in occasione del Dantedì.

BENIGNI A MATTARELLA: “VORREI ABBRACCIARLA, MA NON SI PUÒ

 “Ho una tale stima e ammirazione per lei che vorrei abbracciarla, ma non si può- ha aggiunto rivolgendosi al presidente della Repubblica- Se ha bisogno di qualcosa, vorrei essere utile per lei. Se ha bisogno di un corazziere oppure un cuoco, un autista, un sarto, un barbiere. Una volta ho sentito in tv che non aveva il barbiere. Le faccio i capelli vestito da corazziere”.

benigni_mattarella_ph_benigni_mattarella_ph_quirinalequirinale
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con Roberto Benigni,in occasione della cerimonia di celebrazione del “Dantedì” (foto di Francesco Ammendola – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»