Salvini: “Da Cina crimine contro l’umanità. Soldi subito a famiglie o la gente esce di casa”

Salvini cita Trump e chiede di dare soldi alle famiglie subito. E per i medici in prima linea chiede: Stop le tasse per loro, non medagliette"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dovremo chiedere conto a chi ha fatto cominciare tutto e ha perso settimane nel denunciare l’epidemia. Se il governo cinese ha perso tre settimane nel denunciare l’epidemia all’Oms ha commesso un crimine nei confronti dell’umanità e ora non può essere passato per salvatore”. Lo dice Matteo Salvini, in aula al Senato.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Conte: “Non meno di 50 miliardi a famiglie, imprese e lavoratori”

“SOLDI SUBITO A FAMIGLIE, O LA GENTE ESCE DI CASA…”

Salvini invita il governo a stanziare da subito somme in favore delle famiglie. Altrimenti, spiega intervenendo al Senato, c’è il rischio della protesta sociale. “Trump garantisce duemila euro a nucleo familiare. Io temo che coi decreti che stiamo approvando, e se i soldi arriveranno tra un mese o due mesi o tre mesi, la gente uscirà di casa… ma non per ringraziare”, dice Salvini.

LEGGI ANCHE: Bollo auto, assicurazione, multe: ecco come cambiano le scadenze col Covid-19

“MENO MEDAGLIETTE, ESENZIONE PER CHI RISCHIA IN PRIMA LINEA”

“Occorre intervenire pesantemente sugli stipendi di chi rischia in prima linea. Non bastano applausi e medagliette. Noi chiediamo che il 70 per cento dei loro stipendi debba essere esentasse per i prossimi anni, di pacche sulle spalle ne hanno abbastanza”, dice ancora Salvini.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»