Giornale radio sociale, edizione del 26 marzo 2020

Giornale radio a cura di http://www.giornaleradiosociale.it/
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ECONOMIA – Reddito per tutti. Sarà necessario che il Reddito di Cittadinanza sia rafforzato per raggiungere tutte le persone in condizioni di povertà con interventi mirati. È quanto chiede l’Alleanza contro la povertà che prevede un aumento drammatico delle sofferenze economiche al termine dell’emergenza sanitaria.

SOCIETA’ – Distantimavicini -la campagna di sostegno ai Centri per l’assistenza delle persone con SLA, SMA e distrofie muscolari – nel ervizio di Anna Monterubbianesi
In Italia le 40.000 persone colpite da SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica), SMA (Atrofia Muscolare Spinale) e distrofie muscolari possono contare sui Centri Clinici NeMO, specializzati nella loro assistenza. Per sostenerli in questo momento di emergenza AISLA, UILDM e Famiglie SMA lanciano la campagna di raccolta fondi #distantimavicini perché continuino la loro attività di presa in carico e protezione per i più fragili. Ascoltiamo il commento di Massimo Mauro, presidente di AISLA, che ci racconta le iniziative prese dall’associazione. 

DIRITTI – Trattamenti diseguali. Paradossi di una situazione di crisi. In attesa che l’INPS produca la Circolare definitiva e che il Decreto “Cura Italia” venga convertito in legge, i lavoratori con disabilità rischiano di finire nel limbo della burocrazia e alla fine di essere perfino danneggiati dalle nuove norme soprattutto nell’ambito di permessi e congedi dal lavoro.

INTERNAZIONALE –  Sotto tiro. Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della Sanità, negli ultimi 5 anni si sono verificati oltre 142 attacchi su ospedali e strutture sanitarie in Yemen. Il paese, martoriato da anni di guerra, si trova oggi a far fronte alla minaccia del coronavirus. Secondo Oxfam Italia, gli effetti della pandemia darebbero devastanti e andrebbero a sommarsi ai casi di colera che hanno già colpito milioni di persone.

CULTURA – Digitalife. Su RaiCinema il film che racconta come il digitale ha cambiato il mondo. Il servizio è di Clara Capponi
Sarà possibile vedere da oggi sul canale web di Rai Cinema Channel il documentario di Francesco Raganato che ci mostra quanto il digitale stia diventando un compagno importante della nostra quotidianità. Un tema centrale in questi giorni in cui l’epidemia dovuta al Covid-19 ci costringe a casa sfruttando sempre di più le nuove tecnologie. Al centro del film c’è la vita il lavoro, il viaggio. C’è la malattia e il riscatto, il coraggio di chi sa affrontare i cambiamenti. Il digitale è una nuova era per l’umanità e non conosce confini. Ci tiene tutti ben piantati nel locale ma con un orizzonte sempre più globale. È il racconto corale di un mondo fatto di connessioni, condivisioni e vita. Non a caso Sono molte le realtà che hanno sostenuto la produzione dal punto di vista organizzativo per la raccolta delle storie: il FAI – Fondo Ambiente Italiano, Terres des Hommes, il Parco nazionale del- le Cinque Terre, l’associazione europea delle vie Francigene, l’Ordine dei giornalisti, e molte altre organizzazioni che hanno contribuito alla diffusione del messaggio per la raccolta delle storie.

SPORT – L’importante è partecipare. Ufficialmente rinviate al 2021 le Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo, tutto il mondo dello sport attendeva questa decisione. Anche la campionessa paralimpica, Martina Caironi  portabandiera a Rio de Janeiro, apprezza la scelta, “per la sicurezza di tutti – dice – e per permettere a noi atleti di presentarci fisicamente e mentalmente preparati a un evento così importante”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»