Editoria, Lotti e i selfie sulla neve? L’ufficio stampa: “Era iniziativa di solidarietà”

La risposta dello staff dopo la polemica del Fatto quotidiano che accusava Lotti di aver 'dribblato' l'incontro con i cdr delle agenzie stampa per andare a sciare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In merito all’articolo del Fatto Quotidiano, dal titolo ‘Lotti dà buca alle agenzie poi si fa selfie sulla neve‘, firmato da Marco Franchi, si precisa che la ricostruzione fatta sui contenuti della riunione avvenuta nella sede della Fnsi è priva di ogni fondamento e che la presenza del ministro all’Abetone era programmata da tempo e finalizzata esclusivamente alla sua partecipazione ad una iniziativa di solidarietà per le popolazioni colpite dal terremoto (tutto facilmente verificabile). Cosi’ in una nota l’ufficio stampa del ministro Luca Lotti.

Nella giornata di venerdì- si legge- non era stato fissato nessun incontro. Si ricorda infatti, ai fini di una corretta e completa informazione, che il ministro Lotti ha convocato il segretario generale del sindacato dei giornalisti per un incontro da tenersi la prossima settimana sul tema delle agenzie di stampa: un dato essenziale questo, che nell’articolo però non viene riportato, nonostante a supporto vi siano un comunicato stampa ufficiale e 10 lanci delle principali agenzie di stampa che riportano il medesimo contenuto.

(La foto è tratta dalla pagina facebook del ministro Luca Lotti)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»