Vaccino, Santomauro (Unione commercialisti Trani): “Subito campagna per la nostra categoria”

fedele santomauro_commercialisti Trani
"Oltre ad essere da sempre utili al Paese, commercialisti e notai contabili si sono rivelati necessari per l'attività di supporto ai contribuenti e per il ruolo di trade union con la pubblica amministrazione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Subito una campagna vaccinale per i commercialisti pugliesi. La nostra è una categoria a rischio, perché nonostante le restrizioni abbiamo aperto e messo a disposizione dei clienti strutture e dipendenti, supportando tutte quelle attività che hanno avuto bisogno di interventi tempestivi in presenza”. Lo scrive Fedele Santomauro, presidente dell’Unione commercialisti ed esperti contabili di Trani, in una lettera inviata al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, agli assessori Luigi Lopalco e Sebastiano Leo, al presidente del Consiglio regionale Loredana Capone e al direttore dell’Asl Bat, Alessandro Delle Donne.

Santomauro ricorda che “i commercialisti e gli esperti contabili italiani, oltre che ad essere da sempre utili al Paese, negli ultimi tempi sono considerati necessari per l’attività di supporto ai contribuenti e per il ruolo di trade union con la pubblica amministrazione in particolare con l’emergenza sanitarie ed economica causata dalla pandemia. Gli studi professionali stanno svolgendo un intenso lavoro, per assistere le pmi nell’applicazione di tutte le norme relative ai Dpcm e ai decreti legge collegati al Covid-19. Tutto ciò nonostante i rischi per la salute connessi al contagio del nuovo coronavirus e restando sempre in prima linea. Occorre ricordare che anche la nostra categoria ha registrato tanti colleghi contagiati dal virus, ricoverati nelle terapie intensive degli ospedali e c’è anche chi ha perso la vita. Per tutti questi motivi – conclude – siamo sicuramente una professione a rischio e chiediamo immediati provvedimenti operativi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»