Liberisti italiani in Campidoglio: “Non al rinvio delle elezioni”

liberisti italiani
Il candidato sindaco Andrea Bernaudo: "Chiediamo il rispetto della legalità"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
liberisti italiani

ROMA – “Oggi siamo qui perché siamo di fronte a un probabile rinvio delle elezioni amministrative. È un problema che non riguarda soltanto Roma ma anche altre importanti città che vanno a scadenza naturale, quindi non si tratta di elezioni anticipate, noi chiediamo il rispetto della legalità perché si è arrivati a scadenza“. Così, in piazza del Campidoglio, Andrea Bernaudo, candidato sindaco di Roma per i Liberisti italiani, durante un sit-in organizzato contro l’ipotesi di rinvio delle elezioni amministrative. 

I Liberisti hanno portato in piazza diversi cartelli, su alcuni si legge: ‘No al rinvio delle elezioni amministrative’, ‘Fuori la politica dalla gestione dei servizi’, ‘Stop Atac, stop Ama, gare pubbliche’, Meno tasse, meno burocrazià, ‘zero Tari’. 

liberisti italiani

“Riteniamo che le motivazioni del rinvio- ha spiegato Bernaudo- non derivino da problemi di carattere epidemiologico, non che la pandemia non ci sia, noi siamo qui con i dispositivi di protezione personale, ma vogliamo andare a votare nel rispetto di tutti i protocolli come si è già fatto in occasione del referendum e anche in altre competizioni regionali“. 

Sul come fare a svolgere regolarmente le operazioni di voto, Bernaudo ha fatto delle proposte: “La tv pubblica potrebbe mettere a disposizione un canale per i candidati, si potrebbe attivare la firma digitale per la raccolta delle firme e prolungare di un giorno l’aperture delle urne per svolgere le operazioni di voto in sicurezza”. 

“Siamo convinti che invece- ha detto il candidato sindaco- i partiti stiano facendo quadrato per rinviare le elezioni perché sono a corto di idee, di programmi e soprattutto a corto di candidati. Siamo di fronte a un vuoto pneumatico della politica che dietro l’odiosa scusa della pandemia intende scippare ulteriormente i cittadini italiani di una libertà e di un diritto che è quello di andare a votare a scadenza naturale. Noi confidiamo che questo non avvenga anche se i segnali purtroppo sono abbastanza inequivocabili”. 

Durante il sit-in, alcuni dei manifestanti, alcuni dei quali candidati al prossimo consiglio comunale, hanno effettuato un walk-around, una passeggiata attorno alla statua del Marco Aurelio.  “Capiamo che ci sono problemi politici all’interno delle coalizioni e all’interno dei partiti- ha proseguito Bernaudo- ma riteniamo anche che Roma non può continuare a essere ostaggio dei partiti politici che l’hanno distrutta fino adesso. 

Occorre cambiare il modulo amministrativo di questa città, occorre cambiare la guida di questa città”. A tal proposito Bernaudo ha ricordato che “è di ieri la notizia che la Raggi ha calpestato l’esito per referendum che voleva la liberalizzazione del trasporto pubblico locale. Noi siamo stati i primi nel 2017 a dire che la politica doveva uscire dalla gestione dei servizi come accade in tantissime capitali europee e oggi ci troviamo di fronte a una Assemblea capitolina che calpesta la volontà dei romani. Siamo di fronte a partiti politici che non hanno candidati su Roma e quelli che sono stati interpellati hanno schifato questa città. Noi- ha concluso- davanti a tutto questo, lo denunciamo chiaro e tondo e alzando la voce, perché siamo stanchi. Stanchi di questa amministrazione e stanchi di questi giochi politici sulle spalle dei romani“.

liberisti italiani

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»