Coronavirus, nelle metro di Milano gli ambulanti improvvisano presidi sanitari: sequestrate 300 mascherine

Questo il risultato dei controlli del personale del Nucleo Tutela Trasporto Pubblico della Polizia locale di Milano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Ai tempi del coronavirus a Milano gli ambulanti si inventano presidi sanitari (di materiale non idoneo).

In sintesi, un sequestro amministrativo di circa 300 mascherine e indagini in stato di liberta’ per tre persone sprovviste di documenti di identita’ e permessi di soggiorno, nei confronti delle quali sono stati emessi ordini di allontanamento di 48 ore. Questo il risultato dei controlli che il personale del Nucleo Tutela Trasporto Pubblico della Polizia locale di Milano sta effettuando in queste ore nelle stazioni delle metropolitane per contrastare “la vendita abusiva di presidi sanitari non conformi”.

Venti quelli effettuati da questa mattina in altrettante stazioni delle linee 1 e 2 (il servizio prosegue fino a sera), che hanno portato a rinvenire il materiale sequestrato nelle stazioni di Romolo, Porta Genova e Loreto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»