VIDEO | Mafie, Bombardieri: “Gli imprenditori denuncino e non si girino dall’altra parte”

É l'appello del procuratore della Repubblica di Reggio Calabria intervenuto oggi ad un incontro alla Camera di Commercio reggina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA – “Siamo qui per dire che bisogna cambiare passo, deve finire il tempo in cui ci si lamenta e basta ed iniziare ad assumersi le proprie responsabilità, anche perché bisogna far capire alle imprese che il passaggio dal ruolo di vittima, a ruolo di partecipe, è un limite sottile, non ci si può trincerare dietro la responsabile altrui. Occorre soprattutto per se stessi, per l’imprenditoria sana, per la città sana e Reggio Calabria lo merita, bisogna assumere un ruolo attivo nell’economia legale”. Così il procuratore della Repubblica di Reggio Calabria Giovani Bombardieri intervenuto oggi alla Camera di Commercio reggina all’incontro ‘Per un’economia libera e legale’.

“Siamo qui per ribadire che se si vuole, si può fare – ha aggiunto il procuratore – siamo vicini agli imprenditori che vogliono denunciare perché lo Stato ha le risorse per poterlo fare. Chiediamo a tutti di non girarsi dall’altra parte – ha concluso Bombardieri – di partecipare, in vari modi per contribuire a questo risveglio che si sta avvertendo e speriamo prosegua”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»