Coronavirus, l’Oms in Italia: “Il governo sta facendo cose giuste, mortalità al 2%”

Dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e dai ministri della Salute dei paesi Ue pieno sostegno all'azione del governo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Apprezziamo tantissimo il lavoro che sta facendo il governo italiano, sta facendo le cose giuste“. Cosi’ il direttore Europa Oms, Hans Kluge, durante la conferenza stampa organizzata al termine dell’incontro di oggi a Roma con il ministro della Salute, Roberto Speranza, il commissario Ue alla Salute, Stella Kyriakides, e il direttore Ecdc, Andrea Ammon. La riunione si e’ svolta nella sede del ministero a Lungotevere Ripa.

“Il tasso di mortalita’ del Coronavirus- aggiunge- e’ del 2%, soprattutto in soggetti sopra i 65 anni con altre patologie“.

LEGGI ANCHE: Ricciardi: “In Italia nessuna epidemia, solo due focolai epidemici”. Ecco le differenze

“Prendiamo molto sul serio questo virus, ma- aggiunge- dobbiamo ricordare che 4 soggetti su 5 hanno sintomi lievi e poi una remissione“.

Durante la conferenza stampa è intervenuta anche il commissario Ue alla Salute, Stella Kyriakides: “Vorrei veramente ringraziare i ministri della Salute per aver deciso di mantenere le frontiere aperte per evitare di arrivare a prendere misure sproporzionate e inefficaci. Se dovessero esserci approcci diversi in Europa sarebbe un problema”.

LEGGI ANCHE: E’ guarita la coppia di cinesi ricoverata allo Spallanzani: nessun caso di coronavirus a Roma

“L’importanza della condivisione delle informazioni e’ un punto cruciale- ha proseguito- sul quale abbiamo discusso ieri con i ministri della salute dei Paesi vicini all’Italia”.

Al momento ci sono ancora molte incognite su questo virus, non solo per quanto riguarda la sua origine ma anche sulla sua diffusione. Questo e’ il motivo per cui gli esperti dell’OMS e dell’Ecdc sono sul territorio italiano- ha concluso- proprio per capire come sta evolvendo la situazione e come dare sostegno”.

LEGGI ANCHE: No, il coronavirus non è una semplice influenza: la fondazione Veronesi spiega perché

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»