Calenda sfida Salvini: ‘Tuffo nel lago ghiacciato, posa la nutella’

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print ROMA - Competition social giocata sull'asse Roma Milano tra Matteo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Competition social giocata sull’asse Roma Milano tra Matteo Salvini e Carlo Calenda.

I due inforcano il fioretto fin dall’alba, ospiti uno dopo l’altro del talk Mattino Cinque. Calenda critica per inconcludenza il titolare del Viminale, che risponde a stretto giro in tv ed anche su twitter.

Per essere piu’ chiaro all’ex ministro romano, Salvini si esprime in lingua: “Ma quanto rosicano?”, si chiede su twitter. E aggiunge: “E poi si chiedono perché gli italiani ci danno fiducia… Le parole le lascio ai chiacchieroni di sinistra, io preferisco i fatti. Bacioni”.

Evidentemente Calenda non apprezza le attenzioni del leghista e passa al contrattacco, su un piano che non e’ quello congeniale alla mitologia progressista.

Basti dire che il mese scorso, in occasione della Epifania ortodossa, e’ stato il sovranista presidente russo Vladimir Putin a commemorare il battesimo di Gesù Cristo immergendosi senza vestiti nel lago ghiacciato di Seliger. Un’impresa da brividi, non da tutti. Da Putin, appunto. E da Calenda.

Costume da bagno e a petto nudo, l’ex titolare dello Sviluppo si offre su twitter pronto ad affrontare il gelo delle acque ghiacciate di un laghetto, solcato da un incolpevole cigno bianco. Chiaro il segnale di sfida a Salvini, reso ancora piu’ esplicito dalle parole di Calenda: “Chi l’ha detto che solo i sovranisti (quelli originali, i nostri al massimo mangiano Nutella) fanno il bagno nell’acqua ghiacciata?! #orgoglioprogressista”, verga il titolare dello Sviluppo. Salvini e’ chiamato a deporre il cucchianino per indossare le succinte brache da nuotatore.

Il responsabile della comunicazione di Salvini, Luca Morisi sembra raccogliere il guanto. “Giovani salvinisti crescono!”, commenta.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»