Venezuela, il gruppo di Lima sceglie il dialogo con Maduro

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print ROMA - Continuare sulla linea del dialogo con Maduro e
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Continuare sulla linea del dialogo con Maduro e provare nuovamente a far entrare gli aiuti umanitari necessari per il popolo venezuelano. Questo e’ quanto e’ stato deciso nella riunione del gruppo di Lima tenutasi nella capitale colombiana alla presenza del presidente ad interim del Venezuela, Juan Guaido’, e del vicepresidente americano Mike Pence.

Il numero due della Casa Bianca ha assicurato al giovane leader dell’opposizione venezuelana che Trump e’ “al cento per cento con lui”, e che ogni opzione militare al momento e’ esclusa. Tuttavia, secondo i media internazionali una parte della popolazione appoggerebbe tale soluzione poiché ritenuta l’unica via efficace per convincere il presidente Nicolas Maduro a lasciare il proprio incarico.

Ai varchi di frontiera intanto continuano gli scontri tra giovani venezuelani e la Guardia nazionale bolivariana. Al ponte Simon Bolivar nella cittadina di Cucuta si sono registrati quelli piu’ violenti.

Sul lato opposto della frontiera l’opposizione prova a far sentire la propria voce ma i cosiddetti “colectivos”, ossia gruppi di civili armati, pattuglierebbero le strade armi in pugno. Secondo quanto riferiscono i testimoni, starebbero agendo con l’obiettivo di intimidire la popolazione.
Anche ieri si sono registrate alcune defezioni di membri dell’esercito venezuelano verso la Colombia.

In attesa delle prossime mosse, Guaido’ dovrebbe rientrare in Venezuela. Notizie non confermate riferiscono che abbia ricevuto minacce di morte. Ad ogni modo, il presidente dell’Assemblea nazionale dovrà tornare a Caracas per portare a termine i compiti previsti quale presidente ad itnerim, una carica che è stata riconosciuta anche da vari stati dell’America latina e del resto del mondo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»