Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

M5s, Buffagni: “Con Toninelli perdiamo voti? Non posso rispondere”

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print ROMA - "Io sono lombardo: prima bisogna fare e poi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Io sono lombardo: prima bisogna fare e poi comunicare, bisogna essere più concreti. La gente ci ha mandato al governo per governare, non per rincorrere gli altri e annunciare. Credo sia utile portare a casa risultati concreti perché la gente ha speranza in noi. Al governo non si può continuare ad avere un approccio barricadero come quello che avevi prima con urla, toni alti”. Così il sottosegretario agli Affari regionali Stefano Buffagni a Circo Massimo su Radio Capital. Alla domanda se quando parla il ministro Toninelli il Movimento perde voti, Buffagni risponde col sorriso: “non posso rispondere”.

BUFFAGNI: TRIA A CASA? NO, OGNUNO FACCIA IL SUO LAVORO

Il ministro dell’economia Tria deve andare a casa? “No, questo non compete me e non vedo il motivo. Il ragionamento che faccio è un altro: ciascuno di noi deve fare il suo lavoro”. Lo dice il sottosegretario agli Affari regionali Stefano Buffagni a Circo Massimo su Radio Capital. “Se sei andato a prendere un impegno all’1,6 senza averlo concordato con i tuoi numeri uno, quelli che avevano i voti, hai generato un danno successivo”, conclude il pentastellato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»