M5s: “Aboliamo i vitalizi”, l’appello di Di Battista a Renzi: “Basta un sì”

Domani alla Camera il M5s fa una conferenza stampa per lanciare la proposta di abolire i vitalizi per i parlamentari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Trattamento pensionistico uguale per tutti. Fermiamo subito le disparità tra parlamentari e cittadini: le proposte del Movimento 5 stelle”. E’ su questi temi che il partito di Beppe Grillo organizza per domani presso la Sala stampa della Camera dei Deputati una conferenza stampa, alle 11.30, nella quale verrà presentata la proposta dei parlamentari del M5s. Parteciperanno Luigi Di Maio, vice presidente della Camera, Riccardo Fraccaro, segretario della Camera, Laura Bottici, questore del Senato.

DI BATTISTA SU FACEBOOK: “RENZI DICCI DI SI'”

Dalla sua pagina Facebook, il deputato Alessandro Di Battista rilancia l’appuntamento di domani con la proposta del Movimento 5 stgelle per abolire i vitalizi. E scrive: “C’è chi non vuole votare perché aspetta il 15 settembre per maturare l’ennesimo privilegio: una grande pensione anticipata. Ebbene domani il M5S presenterà una bella proposta: una riforma del trattamento pensionistico dei parlamentari per renderlo tale e quale a tutti i “comuni mortali“. Caro Renzi tra una “corsetta” vista Alcatraz e una goccia di sudore freddo per l’inchiesta Consip, dai uno sguardo alla nostra proposta e poi di’ a quel che resta del tuo partito di votarla. Bastano due giorni di lavoro anzi,#BastaUnSì

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»