Report del Consiglio grande e generale del 24 febbraio – Seduta pomeridiana

SAN MARINO - La sessione consiliare di Febbraio si conclude con l'approvazione a maggioranza dell'Ordine del giorno sulla
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SAN MARINO – La sessione consiliare di Febbraio si conclude con l’approvazione a maggioranza dell’Ordine del giorno sulla maternità surrogata presentata dal Pdcs. Nel pomeriggio, i lavori ripartono dalla ratifica dei decreti delegati e decreti legge scorporati, per poi affrontare l’ultimo punto rimasto in scaletta, il comma 23, con la votazione degli Ordini del giorno presentati nella precedente sessione consiliare dal gruppo del Partito democratico cristiano sammarinese. Il primo è finalizzato in sintesi “a dare mandato alla delegazione consiliare presso l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa di esprimere la posizione di San Marino sul tema della maternità surrogata ed impegnare il Governo a predisporre un progetto di legge in materia entro ottobre 2017”. Il secondo invece richiede un riferimento del Governo sugli indirizzi di sviluppo ed un progetto sull’Agenzia per lo Sviluppo, anche in relazione alla costituzione dell’Agenzia per gli Investimenti Diretti Esteri. A darne lettura di entrambi è il consigliere Pasquale Valentini.

Si registra un solo intervento, sul secondo Odg, da parte del segretario di Stato Andrea Zafferani per dare parere contrario. Così al momento del voto l’Odg in tema di maternità surrogata viene approvato con 29 voti a favore, 15 contrari e 4 astensioni, mentre il secondo viene respinto con 30 voti contrari e 18 a favore. Infine viene riproposto, sempre dal Pdcs, per voce del consigliere Stefano Canti, l’Ordine del giorno presentato in comma Comunicazione in questa sessione, sul Prg, rispetto cui interviene il segretario di Stato per il Territorio Augusto Michelotti a motivare il parere contrario. L’Ordine del giorno del Pdcs chiede di “promuovere un dibattito in Consiglio Grande e Generale entro il mese di Marzo p.v. al fine di effettuare una prima valutazione politica sulle linee di indirizzo strategiche allo sviluppo del sistema Paese” del Piano regolatore, “ad integrare il Gruppo di lavoro con l’inserimento di un tecnico nominato da ciascun Gruppo politico”, a creare infine “un forum, ossia ad uno spazio permanente di discussione e scambio sul territorio e nel territorio, dove esperti provenienti da diversi settori si confronteranno con i cittadini”. Infine, con la bocciatura dell’Odg da parte dell’Aula – 30 i voti contrari, 14 i favorevoli, un astenuto- si chiudono i lavori.

Di seguito un estratto del dibattito sulle dichiarazioni di voto al Comma 23, “Votazioni ordini del giorno”.

Comma 23. Votazioni Odg

Pasquale Valentini, Pdcs, dà lettura dei primi tue testi.

ORDINE DEL GIORNO sulla maternità surrogata/approvato con 29 voti a favore, 15 contrari e 4 astenuti.
“II Consiglio Grande e Generale, ritenendo fondamentale la tutela dei diritti della persona umana, in particolare della convenzione sui diritti del bambi’no del 1989, della convenzione per l’eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne del 1979, sull’adozione di bambini del 1967 e del 1993, sugli esseri umani e la biomedicina del 1997 e sul traffico di esseri umani del 2005;
considerando le raccomandazioni degli Organismi Internazionali a cui San Marino aderisce e la recente sentenza della Corte Europea per i Diritti dell’Uomo, che definisce alcuni presupposti per stabilire l’esistenza di una vita familiare tra i ricorrenti alla Gestazione per Altri (GPA) ed il bambino;
tenuto anche conto che la Gestazione per Altri (GPA) è una pratica che viola dei diritti fondamentali e che mette in pericolo la salute fisica e mentale della madre surrogata e del bambino, trasformando quest’ultimo come oggetto di un contratto e che, pertanto, risulta assolutamente necessario ed improrogabile affermare tali diritti a tutela delle donne e dei bambini;
vista la presa di posizione dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa, ai sensi dell’articolo 65 delle Regole di Procedura, a condannare in modo chiaro ogni Gestazione per Altri (GPA) pratica di per sé in contrasto con i diritti e la dignità delle persone, e ad avviare, in ogni Paese d’Europa, la stesura di un testo che vieta esplicitamente ogni forma di maternità surrogata, e che altri Paesi europei come Italia, Germania e Francia già vietano questa pratica,

dà mandato
– ai propri referenti in Consiglio di Europa di esprimere palesemente la posizione della Repubblica di San Marino rispetto a questo argomento e a sostenere tutte le azioni politiche mirate a vietare la pratica della maternità surrogata;
– al Congresso di Stato di predisporre entro ottobre un progetto di legge çhe vieti la pratica della maternità surrogata nella Repubblica di San Marino e di farsi promotore presso l’Organizzazione delle Nazioni Unite di una moratoria contro la maternità surrogata”

Ordine del giorno sull’Agenzia per lo sviluppo/ respinto con 30 voti contrari, 18 favorevoli

Alla luce delle dichiarazioni del Segretario di Stato per il Lavoro, l’Industria, l’Artigianato e il Commercio, Andrea Zafferani, circa la volontà di costituire una Agenzia per lo Sviluppo che promuova San Marino nei circuiti Internazionali e che sia nél contempo una struttura privata e snella, integrata con il Corpo diplomaticp e con la Camera di Commercio, e che preveda altresì, per gli addetti ché ne faranno parte, una retribuzione legata ai risultati (…), il Consiglio Grande e generale impegna il Congresso di Stato a promuovere un confronto in Consiglio Grande Generale sulla base di un riferimento dettagliato su quali siano gli indirizzi di sviluppo che il Governo intende p1erseguire, quali supporti normativi intende mettere in atto e quale coinvolgimento degli Organismi dello Stato intende prevedere;
a presentare, nel rispetto degli esiti di questo confronto, un piano dettagliato sulla costituzione dell’Agenzia possa esprimersi; ad indicare come tale proposta si rapporti con le deliberazioni già prese dal Congresso di Stato e dal Consiglio Grande e Generale circa la costituzione dell’Agenzia per gli Investimenti Diretti Esteri di San Marino (Decreto Delegato 6 Marzo 2012, N.19).

Andrea Zafferani, segretario di Stato all’Industria, il Commercio, l’Artigianato e il Lavoro

In riferimento all’Odg sull’agenzia per lo sviluppo, nostra volontà è presentare un Pdl nei primi sei mesi di governo, spero arrivi già entro giugno. Queste cose indicate nell’Odg, il confronto sugli indirizzi di sviluppo, la presentazione di un piano dettagliato sull’agenzia, come si rapporti con l’agenzia per gli investimenti esteri, è tema del progetto di legge che, quando arriverà in prima lettura, troverà discussione, così come in commissione e in seconda lettura. Non credo servirà apposito dibattito perché ci sarà un Pdl con il proprio iter sulle cose indicate nell’Odg. Io preferirei dire che Odg non sia da accogliere proprio perché un dibattito ci sarà su queste tematiche.

Stefano Canti, Pdcs: do lettura dell’Odg presentato in Comma comunicazioni.

Considerato che con delibera n.40 assunta nella seduta del 10 Maggio 2016 il Congresso di Stato ha disposto il conferimento dell’incarico professionale alla Società Stefano Boeri architetti srl, alla Società MobilityInChain srl ed alla Società Nuova Qualità Ambientale srl per la consulenza tecnico scientifica ed il coordinamento dei lavori finalizzati alla predisposizione del nuovo Strumento di Pianificazione Territoriale della Repubblica di San Marino e per la sua redazione definitiva (….); Considerato infine che la politica è chiamata ad esprimersi in anticipo sulla visione di sviluppo futuro del territorio anche in ragione di determinati settori dell’economia ritenuti strategici allo sviluppo del sistema Paese da includere nello schema preliminare di Piano. A tal fine impegna il Congresso di Stato

  1. A promuovere un dibattito in Consiglio Grande e Generale entro il mese di Marzo p.v. al fine di effettuare una prima valutazione politica sulle linee di indirizzo strategiche allo sviluppo del sistema Paese da fornire al professionista prima dell’elaborazione dello schema preliminare di Piano (FASE 2);

  2. Ad integrare il Gruppo di lavoro incaricato con delibera dell’On.le Congresso di Stato n.40 del 10/05/2016 con l’inserimento di un tecnico nominato da ciascun Gruppo politico rappresentato in Consiglio Grande e Generale;

  3. Alla creazione di un “forum” ossia ad uno spazio permanente di discussione e scambio sul territorio e nel territorio dove esperti provenienti da diversi settori si confronteranno con i cittadini.

E’ un Odg per promuovere un primo dibattito sulle linee di indirizzo da fornire al tecnico incaricato a redigere il Prg.

Augusto Michelotti, segretario di Stato per il Territorio
Il lavoro sul Prg è ricominciato, dopo la pausa forzata dovuta alla crisi politica. Si potrebbe anche essere d’accordo sul primo punto e promuovere il dibattito, è buona prassi sia la politica che indichi la strada da seguire all’interno della progettazione. Gli altri punti però remano contro uno svolgimento pacifico del lavoro di progettazione, non ha senso inserire tecnici nominati da ciascun gruppo politico, è cosa che non si fa, ritarderebbe pure i lavori. Il governo si prende la responsabilità di portare avanti i lavori e portarli all’attenzione dei cittadini quando ci saranno i contenuti. Quindi informazione, ma non progettazione data a vanvera a chiunque possa essere presentato da qualsiasi gruppo politico. Per non parlare poi della creazione di questo forum. Il Forum è il gruppo di progettazione, non c’è bisogno di crearne un altro che crei tensione. Per questo ritengo che questo Odg non sia da approvare.

Stefano Canti, Pdcs
Prendo atto volontà del governo di voler fare il dibattito alla prossima seduta consigliare con favore. Alcune precisazioni sugli altri due punti. Noi chiedevamo la possibilità di inserire un tecnico da affiancare al gruppo di lavoro indicato da delibera congresso per informare le forze politiche sull’avanzamento del lavoro. Dispiace che non si voglia accogliere questa proposta. Sul terzo punto il segretario è in contraddizione, nella conferenza stampa fatta aveva detto che era il primo a voler convocare giunte, sindacati, categorie per tenerli informati. Noi con il forum promuoviamo incontri sul territorio proprio per informare la popolazioni su piani di indirizzo del Prg. Sbandierate sempre tutto questo nuovo metodo, fate gli incontri pubblici, ma su una materia così importante mi sembra di capire non ci sia la volontà.

Mimma Zavoli, C10
Per rassicurare Canti che il metodo effettivamente è cambiato Si procederà in maniera molto più equidistante e lineare. Il disappunto di Canti non mi stupisce perché ha la necessità di tenere sotto controllo un caposaldo della Dc. Il dibatitto non sarà a marzo, ma in una delle prossime sedute.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»