A Catania crolla palazzina di tre piani: muore una donna, grave una bimba di 10 mesi

C'è stato un boato alle 2.30 e poi il crollo, che sembra essere dovuto all'esplosione di una bombola di gas
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un palazzo di tre piani è completamente crollato nella notte nel centro di Catania. Il crollo sarebbe dovuto ad una bombola di gas che è esplosa accidentalmente. Una persona è morta: si tratta di una donna di 85 anni che viveva da sola al primo piano dell’edificio: i soccorritori l’hanno trovata nel suo letto. Ci sono anche quattro feriti, tra cui una bimba di 10 mesi che si trova all’ospedale in prognosi riservata. Altri due feriti non sarebbero in condizioni gravi, mentre il quarto è gravissimo: è un uomo che è rimasto ustionato. Si trovava presumibilmente vicino alla bombola di gas. Sul posto sono al lavoro diverse squadre dei Vigili del fuoco. Il palazzo che è crollato si trovava all’incrocio tra via Archimede e via Crispi. Il boato si è verificato intorno alle 2.30. In tanti hanno pensato al terremoto.

SCHIRO’ (PD): GIORNATA DI LUTTO PER LA SICILIA

“La tragedia che ha colpito Catania, dove una palazzina è crollata in seguito a un’esplosione, ci rattrista e ci addolora. Esprimo tutta la mia vicinanza e la mia solidarietà ai familiari della donna anziana rimasta uccisa e a quelli di coloro che lottano in ospedale per sopravvivere. Oggi è una giornata di lutto e di dolore per la Sicilia”. Così Gea Schirò (Partito Democratico).

SCHIFANI (FI): CORDOGLIO PER VITTIME

“Esprimo il mio più sentito cordoglio per la tragedia avvenuta a Catania, dove una palazzina è crollata in seguito a un’esplosione causando la morte di una donna anziana e ferendo gravemente altre persone, tra cui una bambina. Una sofferenza enorme scuote oggi la Sicilia per questa tragedia: partecipo in modo sentito a questo dolore enorme”. Così il senatore di Forza Italia, Renato Schifani.

LEGGI ANCHE:

Palazzina crollata a Catania, il sindaco: “I residenti devono allacciarsi alla rete del gas”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»