Mattarella social, il Quirinale debutta su Instagram

#emptyquirinale è l'iniziativa che il noto social network dedicherà alla residenza del presidente nel corso della Festa della Repubblica, il 2 giugno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

quirinale 3

ROMA – Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto nel pomeriggio al Quirinale il fondatore e Amministratore Delegato di Instagram Sig. Kevin York Systrom. Nel corso dell’incontro è stata annunciata l’apertura dell’account ufficiale della Presidenza della Repubblica sul social network fotografico (@Quirinale) e l’iniziativa che Instagram dedicherà al Palazzo del Quirinale in occasione dei settant’anni della Repubblica Italiana: “#emptyquirinale”, che vedrà coinvolti – in occasione del 2 giugno – alcuni tra i più famosi “instagrammer” provenienti da differenti parti del mondo, che metteranno in risalto con i loro scatti con i cellulari le bellezze artistiche, gli aspetti meno conosciuti e le attività istituzionali del Quirinale Gli scatti più significativi saranno poi pubblicati oltre che sul social network anche su una installazione al Quirinale. Al termine dell’incontro Systrom ha donato al Presidente Mattarella una copia della macchina fotografica con la quale ha studiato fotografia a Firenze. “Sono felicissimo- ha detto Systrom al termine del colloquio- di poter lavorare con la presidenza della Repubblica per celebrare su Istagram il settantesimo anniversario della Repubblica Italiana”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»