Lavoro. Caso Maticmind, De Magistris: “Per Napoli è ‘nu juorn buono'”

2016022602058000578NAPOLI – “Quando si salvano aziende in difficolta’ e’ ‘nu juorn buono’“. Espressione dialettale ed efficace quella che il sindaco partenopeo Luigi de Magistris ha utilizzato per fotografare il ”caso” Maticmind, l’azienda tutta italiana che ha rilevato i 130 dipendenti, esperti di Information Technology, ”a spasso” dopo la chiusura della sede, la scorsa estate, di Pozzuoli della statunitense HP.

Napoli, ha detto ancora il primo cittadino, sta dimostrando sempre di piu’ di avere la capacita’ di attrarre investimenti privati di qualita’. Una sinergia pubblico privato che fa bene alla citta’. Citta’ che anche dal punto di vista internazionale sta attraendo investimenti significativi (de Magistris si riferisce al caso Apple). Quindi andiamo avanti cosi'”.

La Maticmind, precisa il sindaco, non e’ un”eccezione nell’alta specializzazione perche’ “sull”hi-tech, sulla creativita’, sull’innovazione tecnologica, sulle start up giovanili e’ all’avanguardia. Vediamo un numero enorme di giovani start up che rimangano a Napoli e creano imprenditorialita’ sana e libera concorrenza. Questa e’ una citta’ che rappresenta, in questo momento, anche una novita’ perche’ ha spezzato quel rapporto opaco tra una parte dell’impresa e la politica che governava la citta’. Oggi si puo’ fare impresa in libera concorrenza senza cercare scorciatoie con la politica. Questa e’ una buona notizia per gli imprenditori veri, con passione e con competenza”.

26 Febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»